app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Gogne mediatiche Usa

Il rischio manettaro degli Usa

Le tre gogne mediatiche Usa nell’anno 2024 delle sue elezioni presidenziali e in tempi di guerre, dall’Ucraina al Medio Oriente

|

Il rischio manettaro degli Usa

Le tre gogne mediatiche Usa nell’anno 2024 delle sue elezioni presidenziali e in tempi di guerre, dall’Ucraina al Medio Oriente

|

Il rischio manettaro degli Usa

Le tre gogne mediatiche Usa nell’anno 2024 delle sue elezioni presidenziali e in tempi di guerre, dall’Ucraina al Medio Oriente

|
|

Le tre gogne mediatiche Usa nell’anno 2024 delle sue elezioni presidenziali e in tempi di guerre, dall’Ucraina al Medio Oriente

Non è una questione di impunità, il tema più caro ai populisti di tutto il mondo, uniti quando si parla dei rapporti fra politica e giustizia. Nessuno vuole che i potenti, se giudicati colpevoli (nelle garanzie che uno Stato di diritto prevede), la facciano franca. È una questione di tempismo, di coincidenze e di opportunità. Di libertà. L’America che – per noi cresciuti, come chi scrive, nel mito degli Usa – è l’ontologia realizzata della democrazia possibile su questa Terra complicata ma bellissima, non può assistere nell’anno 2024 delle sue elezioni presidenziali (in tempi di guerre, dall’Ucraina al Medio Oriente) a tre gogne mediatiche.

La prima per Donald Trump, il cattivo per i democratici e l’eroe per quei repubblicani che lo amano, in corsa contro il democratico Joe Biden, presidente uscente. La seconda per Hunter, il figlio di Biden, oggi all’onore delle cronache come il bimbo cattivo del presidente buono o perlomeno non trumpiano. La terza per Steve Bannon, di cui non condividiamo una virgola ma perché metterlo all’indice della colpa proprio nell’anno del voto? In questo filotto, dove la giustizia incalza – in maniera diretta o indiretta – gli attori politici, il tema non è l’impunità. Nessuno è al di sopra della legge. Il tema è la coincidenza. Vista dall’Italia, questa America ci ricorda il Belpaese del 1992. Quello che unì un aggettivo morale alle mani: pulite. Ci auguriamo di sbagliare e che la libertà ci preservi gli Stati Uniti d’America.

Di Jean Valjean

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La smorfia di Meloni per il ritardo di Biden

12 Luglio 2024
Sta diventando virale il video della smorfia della presidente del consiglio Giorgia Meloni a Was…

Le nuove gaffe di Biden: chiama “Putin” Zelensky e “Trump” Kamala Harris

12 Luglio 2024
Continuano le gaffe del presidente Biden, le ultime durante un evento del vertice NATO a Washing…

Le tre leve per smascherare l’ambiguità di Pechino

12 Luglio 2024
Pechino sta con Vladimir Putin e al tempo stesso commercia e fa business con l’Occidente. Quest’…

George Clooney scarica Biden: “Lo amo ma abbiamo bisogno di un nuovo candidato”

10 Luglio 2024
George Clooney firma un intervento sul New York Times per chiedere a Joe Biden di lasciare il po…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI