app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La Bce resiste ma meglio prepararsi

La Federal Reserve alza i tassi d’interesse per contenere l’inflazione. La Bce resiste, convinta che i prezzi dell’energia torneranno a calare e che, dopo anni di deflazione, l’inflazione sia sotto controllo. La Germania non è d’accordo mentre l’Italia tace. Meglio cominciare a parlarne però.
|

La Bce resiste ma meglio prepararsi

La Federal Reserve alza i tassi d’interesse per contenere l’inflazione. La Bce resiste, convinta che i prezzi dell’energia torneranno a calare e che, dopo anni di deflazione, l’inflazione sia sotto controllo. La Germania non è d’accordo mentre l’Italia tace. Meglio cominciare a parlarne però.
|

La Bce resiste ma meglio prepararsi

La Federal Reserve alza i tassi d’interesse per contenere l’inflazione. La Bce resiste, convinta che i prezzi dell’energia torneranno a calare e che, dopo anni di deflazione, l’inflazione sia sotto controllo. La Germania non è d’accordo mentre l’Italia tace. Meglio cominciare a parlarne però.
|
|
La Federal Reserve alza i tassi d’interesse per contenere l’inflazione. La Bce resiste, convinta che i prezzi dell’energia torneranno a calare e che, dopo anni di deflazione, l’inflazione sia sotto controllo. La Germania non è d’accordo mentre l’Italia tace. Meglio cominciare a parlarne però.
La Federal Reserve, Banca centrale Usa, procede sulla strada che aveva già annunciato, programmando per marzo un primo rialzo dei tassi d’interesse. Non certo perché vogliano rallentare la crescita dell’economia (come la politica, di ogni colore, finisce per il rimproverare a decisioni di questo tipo) ma perché temono la rincorsa fra prezzi e salari, con il salire di una già significativa inflazione. Da quest’altra parte dell’Atlantico si ragiona, fin qui, in modo diverso. La Banca centrale europea rifiuta di mettersi su quella scia, considerando l’inflazione – certamente superiore al 2%, ovvero al livello che ha il compito di assicurare – come un fenomeno da inquadrarsi in un lasso di tempo più ampio. Qui si dice che non ci sia un inseguirsi di prezzi e salari e che la media sia tenuta alta dal crescere dei prezzi delle materie prime energetiche, che si considera passeggero. Inoltre si calcola che nel periodo medio l’inflazione sia comunque bassa, visto che veniamo da anni di sostanziale deflazione. Solo che: a. la transitorietà dei prezzi energetici sarà pur vera, ma si deve vedere entro quando caleranno, perché se si mantengono su questi livelli ancora per qualche mese la media annua sarà comunque alta; b. in alcuni Paesi, segnatamente in Germania ma non solo, si fa forte la pressione a considerare il rialzo dei tassi anche come uno strumento per contenere la crescita dei debiti. La partita è aperta e riguarda più i tempi che la sostanza. Che in Italia non se ne parli è segno di cecità.   di Sofia Cifarelli

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La risposta di Tel Aviv agli Houthi

20 Luglio 2024
I raid hanno colpito il porto di Hodeida in risposta ai molti attacchi dei ribelli Houthi dall’i…

New York Times: Biden si dimetterà dopo aver incontrato Netanyahu

20 Luglio 2024
Dal New York Times al Washington Post, il possibile ritiro del presidente degli Stati Uniti, Joe…

La Russia condanna il giornalista del Wall Street Journal, Evan Gershkovich, a 16 anni di carcere duro

19 Luglio 2024
Per le autorità russe, il reporter avrebbe raccolto “informazioni segrete” su una fabbrica di ca…

Israele cambia strategia 

19 Luglio 2024
Pur non annunciandola pubblicamente, Israele ha cominciato la terza fase della guerra nella Stri…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI