app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La schiuma che assedia il fiume sacro

Il fiume indiano Yamuna trabocca di schiuma tossica. È chiaro che il problema dell’inquinamento è prima di tutto dell’India stessa
|

La schiuma che assedia il fiume sacro

Il fiume indiano Yamuna trabocca di schiuma tossica. È chiaro che il problema dell’inquinamento è prima di tutto dell’India stessa
|

La schiuma che assedia il fiume sacro

Il fiume indiano Yamuna trabocca di schiuma tossica. È chiaro che il problema dell’inquinamento è prima di tutto dell’India stessa
|
|
Il fiume indiano Yamuna trabocca di schiuma tossica. È chiaro che il problema dell’inquinamento è prima di tutto dell’India stessa
Quando le immagini raccontano più delle parole: al di là dell’impegno del primo ministro indiano Modi per arrivare a zero emissioni nel 2070, il fiume sacro Yamuna trabocca di schiuma tossica. Si tratta di liquami e rifiuti industriali, ha fatto sapere il governo di New Delhi, e tutto questo succede mentre alcuni fedeli fanno il bagno nelle sue acque. Si può discutere di tutto ai tavoli internazionali ma al di là degli impegni pubblici è chiaro che il problema dell’inquinamento è prima di tutto dell’India stessa. Stretta tra un sistema industriale che ancora produce questo tipo di scorie e un ambiente sempre più avvelenato. Basti pensare che gli ultimi dati, diffusi a fine 2020 e quindi riguardanti il 2019, parlano di un milione e 700mila persone morte prematuramente nel Paese proprio a causa dell’alto livello di inquinamento, per oltre il 50% causato dai fumi delle fabbriche. Il problema sta proprio nel sistema produttivo e cambiarlo non è per nulla semplice. Se poi si parla di Paesi non ricchi il problema è doppio. D’altro canto il tema riguarda tutti, ragion per cui serve necessariamente un aiuto dalla comunità internazionale. Senza ignorare il fatto che permane anche un tema di cultura: nei giorni scorsi, in occasione di una festività dedicata alla luce e nonostante i divieti, tantissimi hanno sparato fuochi d’artificio e bruciato le sterpaglie per preparare i campi al prossimo raccolto. È palese che senza una inversione di rotta nessun annuncio potrà risolvere la questione.   di Gaia Bottoni

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

“Raisi è morto”, l’annuncio ufficiale della tv di Stato iraniana

20 Maggio 2024
Trovato il relitto dell’elicottero su cui viaggiava il presidente iraniano Raisi, nessuna delle …

Tempesta in arrivo sulle prossime elezioni iraniane

20 Maggio 2024
Khamenei, come Raisi, farebbe meglio a non ignorare le previsioni di tumulti in vista del voto p…

Aveva ragione Macron  

20 Maggio 2024
Gliene hanno dette di tutti i colori e invece alla fine aveva ragione lui: Macron, l’unico leade…

Morte Raisi: recuperato il corpo del presidente iraniano. IL VIDEO

20 Maggio 2024
Recuperato il corpo del presidente iraniano Ebrahim Raisi. Iran: “Il percorso della politica est…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI