app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Aborto Ue

L’Europarlamento e l’aborto “tra i diritti fondamentali Ue”

L’Europarlamento ha approvato ieri una risoluzione che contiene in sé una richiesta: «Il diritto all’aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue»

|

L’Europarlamento e l’aborto “tra i diritti fondamentali Ue”

L’Europarlamento ha approvato ieri una risoluzione che contiene in sé una richiesta: «Il diritto all’aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue»

|

L’Europarlamento e l’aborto “tra i diritti fondamentali Ue”

L’Europarlamento ha approvato ieri una risoluzione che contiene in sé una richiesta: «Il diritto all’aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue»

|
|

L’Europarlamento ha approvato ieri una risoluzione che contiene in sé una richiesta: «Il diritto all’aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue»

L’Europarlamento ha approvato ieri una risoluzione che contiene in sé una richiesta: «Il diritto all’aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea». Il provvedimento è passato con 336 sì, 163 no e 39 astenuti. Era già accaduto nel 2022, ma la proposta venne presto abbandonata. Ora rinasce sotto un nuovo impulso della Francia, diventata la prima nazione a sancire il diritto all’aborto nella sua Costituzione il 4 marzo scorso, fra lacrime di gioia e orgoglio degli ambienti femministi e non solo.

Gli eurodeputati chiedono che sia modificato l’articolo 3 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione, affermando che «ognuno ha il diritto all’autonomia decisionale sul proprio corpo, all’accesso libero, informato, completo e universale alla salute sessuale e riproduttiva e a tutti i servizi sanitari correlati senza discriminazioni, compreso l’accesso all’aborto sicuro e legale».

La strada resta in salita. Il percorso per il riconoscimento della pratica di interruzione volontaria di gravidanza come diritto fondamentale sarà complesso: tutti gli Stati membri – nessuno escluso – dovranno esprimersi favorevolmente. Particolare attenzione verrà posta su Polonia, Ungheria e Malta, le cui linee contrarie sono ben note e sancite da legislazioni che limitano fortemente perfino la possibilità di accesso all’aborto. Un iter contrastato è facilmente prevedibile anche in Italia e Irlanda. È quindi alto il rischio che il voto di ieri resti simbolico.

di Raffaela Mercurio

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Incubo sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti (7 gravi)

21 Maggio 2024
Ieri un Boeing 777-300ER della compagnia Singapore Airlines ha dovuto effettuare un atterraggio …

Svelati, dopo la morte di Ebrahim Raisi

21 Maggio 2024
Ebrahim Raisi era un carnefice, non c’è ragione di cordoglio. Ma neanche di soddisfazione, perch…

Le conseguenze dell’Aia

21 Maggio 2024
Il Procuratore generale della Corte penale internazionale dell’Aia ha richiesto un mandato d’arr…

“Raisi è morto”, l’annuncio ufficiale della tv di Stato iraniana

20 Maggio 2024
Trovato il relitto dell’elicottero su cui viaggiava il presidente iraniano Raisi, nessuna delle …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI