app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

L’exploit di Javier ‘Parrucca’ Milei

Occhi azzurri che guizzano da un talk show all’altro e una parlantina che travolge il buon costume della politica nazionale. È l’identikit di Javier Milei, detto “El Peluca”, economista ‘iperliberal’ nemico giurato della grieta argentina e della casta di politici «parassiti».
|

L’exploit di Javier ‘Parrucca’ Milei

Occhi azzurri che guizzano da un talk show all’altro e una parlantina che travolge il buon costume della politica nazionale. È l’identikit di Javier Milei, detto “El Peluca”, economista ‘iperliberal’ nemico giurato della grieta argentina e della casta di politici «parassiti».
|

L’exploit di Javier ‘Parrucca’ Milei

Occhi azzurri che guizzano da un talk show all’altro e una parlantina che travolge il buon costume della politica nazionale. È l’identikit di Javier Milei, detto “El Peluca”, economista ‘iperliberal’ nemico giurato della grieta argentina e della casta di politici «parassiti».
|
|
Occhi azzurri che guizzano da un talk show all’altro e una parlantina che travolge il buon costume della politica nazionale. È l’identikit di Javier Milei, detto “El Peluca”, economista ‘iperliberal’ nemico giurato della grieta argentina e della casta di politici «parassiti».

Bisognerebbe imparare a non sottovalutare i politici dai capelli bizzarri. Il 16 giugno del 2015 Donald Trump spiegava al mondo che era venuto il suo momento perché «nulla viene mai realizzato», «i politici sono solo chiacchiere» che, «credetemi, non ci porteranno mai nella terra promessa».

E mentre il mondo decideva se scommettere sul blasone compassato di Hilary Clinton o sul potere dello spettacolo, lui era già alla Casa Bianca.

Il 22 luglio del 2019 Boris Johnson vinceva le primarie del Partito conservatore britannico e due giorni dopo diventava premier portando il Regno Unito fuori dall’Unione europea, cosa che non era riuscita alla altrettanto compassata Theresa May.

L’Argentina ha provato a ironizzare su Javier Milei, detto “El Peluca” (la parrucca) per via di una zazzera impenitente che sostiene di non aver mai voluto domare col pettine. Economista ‘iperliberal’, nemico giurato della grieta – così si chiama l’infinito derby argentino tra destra e sinistra – e della «casta» di politici «parassiti» buoni solo a rubare.

I suoi occhi azzurri guizzano da un talk show all’altro, felici di tanta irriverenza nei capelli e di una parlantina che travolge il buon costume della politica nazionale.

Fonda il partito “La libertà avanza”, si candida alle elezioni e conquista un seggio alla Camera, dove dal 10 dicembre darà spettacolo. «Non aumenteremo mai le tasse, non andremo mai contro la libertà, la proprietà e la vita».

Per lui tutti i politici rubano, ma la sinistra è quella delle promesse più inattendibili, se è vero che dopo decenni di politiche assistenzialiste il 40% degli argentini vive sotto la soglia di povertà. È la ragione per cui il neo parlamentare – che tra le altre cose rivendica anche conoscenze di sesso tantrico – ha in Jair Bolsonaro, fustigatore di tutti i comunismi, uno dei suoi punti di riferimento. Nel suo immaginario Pantheon trovano posto anche Winston Churchill e Margareth Thatcher, quasi una bestemmia per gli argentini che l’hanno vista comandare la riconquista delle Malvinas e renderle per sempre Falklands.

Milei si lascia addosso l’etichetta di ‘anarco-capitalista’, piovuta da chissà dove ma perfetta per rinforzare il profilo di eccentrico demolitore di luoghi comuni.

Il 18% di consensi guadagnato a Buenos Aires lo userà per «dinamitare» il Parlamento, versione molto più scapigliata della scatoletta di tonno da aprire. In sintesi, è un perfetto figlio di questo tempo. «Mi sentirei molto a mio agio in una stanza condivisa con Trump». A spanne, un salone di barbiere.

 

Di Raffaele Bertini

Riarmando i carri

Scholz ha deciso di inviare i “Leopard 2” in Ucraina. Ma perché il cancelliere tedesco ha tirato …

Il falso mito sulla sanità cubana

Cuba ha il triplo del numero di medici, raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, p…

Zelensky, il prezzo dei carri armati

Giornata cruciale per la guerra in Ucraina: Stati Uniti e Germania inviano carri armati “Abrams” …

Il repulisti di Zelensky e una domanda: è solo una questione di mazzette?

Il presidente ucraino Zelensky destituisce 4 viceministri nei vari livelli ministeriali delle str…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl