app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Orio Giorgio Stirpe

Errori russi in ucraina, parla Orio Giorgio Stirpe

Orio Giorgio Stirpe, colonnello Nato in congedo e analista militare, presenta il suo libro “Gli errori di Putin”
|

Errori russi in ucraina, parla Orio Giorgio Stirpe

Orio Giorgio Stirpe, colonnello Nato in congedo e analista militare, presenta il suo libro “Gli errori di Putin”
|

Errori russi in ucraina, parla Orio Giorgio Stirpe

Orio Giorgio Stirpe, colonnello Nato in congedo e analista militare, presenta il suo libro “Gli errori di Putin”
|
|
Orio Giorgio Stirpe, colonnello Nato in congedo e analista militare, presenta il suo libro “Gli errori di Putin”

Orio Giorgio Stirpe, colonnello Nato in congedo e analista militare, presenta il suo nuovo libro “Gli errori di Putin” (edizioni Mimesis), i cui diritti d’autore saranno devoluti agli orfani di guerra delle Forze armate ucraine, e analizza la tattica attuata da Kiev per la controffensiva. «Nel testo mi concentro sui punti che hanno determinato il fallimento del progetto imperiale dello zar in Ucraina: distorsione della storia da parte della guida di una superpotenza, errori puramente militari sul campo di battaglia, pianificazione sbagliata delle ostilità, sopravvalutazione delle proprie Forze armate e sottovalutazione di quelle avversarie».

La stesura del testo arriva fino alla vigilia della rivolta di Prigozhin e della controffensiva attualmente in atto «che è stata pianificata molto nel dettaglio, condotta con l’ausilio di mezzi e tattiche trasferite dall’Occidente e adattate dagli ucraini alla propria situazione. Kiev ha un esercito di leva non professionista ed è attualmente priva di superiorità aerea, fattore che ha comportato la concentrazione su obiettivi non incentrati sulle conquiste territoriali, piuttosto rivolti alla distruzione sistematica dell’esercito russo nella parte di territorio prescelta, ovvero il Sud dell’Ucraina, dove le forze di Mosca sono più distanti dalle proprie fonti di rifornimento». Una strategia che richiede tempo e punta a spezzare definitivamente il morale dell’esercito russo, al fine di provocarne la rotta e spingerlo a ritirarsi in patria.

Stirpe ritiene che l’Occidente resterà unito nel suo sostegno a Kiev, sia pure per necessità più che per convinzione: «I Paesi euro-atlantici hanno compiuto quasi due anni fa una scelta di campo che ha comportato un impegno politico e l’attuazione di misure economiche e industriali volte a portare avanti un programma dettagliato di sostegno all’Ucraina di tipo diplomatico, finanziario e militare. Questa scelta non può essere tradita perché ciò distruggerebbe la credibilità occidentale e creerebbe perdite economiche devastanti».

Il presidente americano Joe Biden ha bisogno di una vittoria su questo dossier prima delle elezioni del 2024 e sarà il primo a cercare un end-game favorevole in questi mesi che separano dalle presidenziali. Per Stirpe l’esito migliore possibile sarebbe quello desiderato dagli ucraini, ovvero «condurre l’esercito russo alla disfatta in territorio avversario, imponendogli di rompere il contatto e ritirarsi nei propri confini, dove Kiev non lo inseguirebbe. Se Mosca si ritira il conflitto finisce, il diritto internazionale viene rispettato e non c’è bisogno di continuare a combattere la Federazione Russa, così evitando un suo incontrollato crollo strutturale. All’Occidente e all’Ucraina servirebbe un regime change che deponesse Vladimir Putin senza tuttavia provocare la divisione del Paese in regioni, permettendo al suo esercito di garantirne l’integrità territoriale».

di Tommaso Alessandro De Filippo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Kate, nel sorriso un messaggio di forza e speranza

15 Giugno 2024
Vedere Kate oggi sorridente, con i suoi bambini e suo marito, nonostante la fatica fisica e ment…

Kate Middleton, in bianco per sua prima uscita pubblica

15 Giugno 2024
Prima apparizione pubblica di Kate Middleton dopo l’annuncio della sua malattia. La principessa …

Ucraina, in Svizzera la conferenza di pace. L’irricevibile offerta di Putin

15 Giugno 2024
Sono una novantina i leader e ministri che si riuniscono oggi e domani in Svizzera per la confer…

Putin: “Pace se Kiev rinuncia a quattro regioni e alla Nato”

14 Giugno 2024
Dopo più di due anni dal 24 febbraio 2022, oggi il presidente russo Vladimir Putin annuncia una …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI