app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,
| ,
Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 

 

Qui sollevammo il problema e ora vi comunichiamo che è stato affossato. Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una.

Si sono rimpallati la responsabilità. L’Arma dei Carabinieri ha scritto. Il Ragioniere generale dello Stato ha personalmente risposto. E nulla, carta che canta a vuoto. 11 anni di commissariamento inducono al rinvio anziché al correre. In queste condizioni perde significato il commissariamento stesso. Il pantano che avevamo descritto è solo divenuto più puteolente.

Faccende calabre? Certo, anche. Ma faccenda italianissima e nazionale, l’arte dello scaricabarile al posto del provvedere, il lasciar languire anziché sanare, tutto fra una stanza e l’altra di istituzioni che non solo dovrebbero parlarsi ma hanno l’obbligo di collaborare. A un certo punto finirà, ma quando sarà già finita.

 

di Gaia Cenol

 

 

Italiani residenti all’estero e Italia assetata di lavoratori stranieri

Quasi 6 milioni sono gli italiani residenti all’estero, oltre un decimo della popolazione. Tanti …

L’occasione persa da Meloni sul caso Donzelli-Delmastro

Giorgia Meloni non ha “castigato” i due gemelli dell’autogol Donzelli e Delmastro. Così, ha perso…

Rete unica, Stato irretito

Se il governo s’incaponisse a volere la rete unica e italica, si troverebbe in una brutta trappol…

L’Italia degli Insegno

Il manifesto è Pino Insegno, attore-feticcio di Fratelli d’Italia, che ormai passa le giornate a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl