app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,

Calabria gabbata, Repubblica affondata

Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
| ,
| ,
Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Ma la questione riguarda tutto il Paese. 
  Qui sollevammo il problema e ora vi comunichiamo che è stato affossato. Il 4 novembre dell’anno scorso il governo nomina un sub commissario per la sanità calabrese e, a oggi, il nominato non è ancora stato inquadrato e messo al lavoro. Se volevate una spiegazione del perché la sanità calabrese affonda, eccovene una. Si sono rimpallati la responsabilità. L’Arma dei Carabinieri ha scritto. Il Ragioniere generale dello Stato ha personalmente risposto. E nulla, carta che canta a vuoto. 11 anni di commissariamento inducono al rinvio anziché al correre. In queste condizioni perde significato il commissariamento stesso. Il pantano che avevamo descritto è solo divenuto più puteolente. Faccende calabre? Certo, anche. Ma faccenda italianissima e nazionale, l’arte dello scaricabarile al posto del provvedere, il lasciar languire anziché sanare, tutto fra una stanza e l’altra di istituzioni che non solo dovrebbero parlarsi ma hanno l’obbligo di collaborare. A un certo punto finirà, ma quando sarà già finita.   di Gaia Cenol    

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I gesti e le amnesie

19 Maggio 2024
Il rientro in Italia di Chico Forti è un grande risultato politico oltre ogni dubbio. Un success…

L’Italia non firma la dichiarazione Ue sui diritti Lgbtiq+

17 Maggio 2024
L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore d…

Il confronto Tv non s’ha da fare

17 Maggio 2024
Non poteva che avere un tragicomico finale il duello tv fra la presidente del Consiglio Giorgia …

Salta il confronto tv Meloni-Schlein, Rai: “Manca maggioranza richiesta da Agcom”

16 Maggio 2024
L’atteso confronto Meloni-Schlein non si terrà: “Soltanto quattro delle otto liste rappresentate…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI