app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il nodo delle relazioni occidentali

I bilaterali che hanno preceduto l’inizio del G20, in particolare quello fra il Presidente statunitense Biden e il Presidente del Consiglio italiano Draghi, costituiscono un’occasione rilevante per le relazioni fra USA e Unione Europea.
| ,

Il nodo delle relazioni occidentali

I bilaterali che hanno preceduto l’inizio del G20, in particolare quello fra il Presidente statunitense Biden e il Presidente del Consiglio italiano Draghi, costituiscono un’occasione rilevante per le relazioni fra USA e Unione Europea.
| ,

Il nodo delle relazioni occidentali

I bilaterali che hanno preceduto l’inizio del G20, in particolare quello fra il Presidente statunitense Biden e il Presidente del Consiglio italiano Draghi, costituiscono un’occasione rilevante per le relazioni fra USA e Unione Europea.
| ,
| ,
I bilaterali che hanno preceduto l’inizio del G20, in particolare quello fra il Presidente statunitense Biden e il Presidente del Consiglio italiano Draghi, costituiscono un’occasione rilevante per le relazioni fra USA e Unione Europea.
Non sono formalità, i bilaterali che hanno preceduto l’inizio del G20. In particolare quello fra il presidente statunitense e il presidente del Consiglio italiano. Naturalmente inutile pensare che i comunicati finali ne scandaglino i reali contenuti. La partita più rilevante riguarda l’Occidente, la relazione fra gli Stati Uniti e l’Unione europea. Il nostro continente non è certo stato il quadrante esclusivo degli equilibri internazionali, ma ne è stato a lungo il più importante. Non rimpiangiamo certo quella condizione, perché si accompagnava non solo alla divisione in blocchi del mondo, ma in due dell’Europa (i contrasti odierni con la Polonia sono una minuzia risolvibile, rispetto alla tragedia di popoli confinati in regimi totalitari e nella miseria). Quel mondo, comunque, consegnava più certezze, benché tristi. Ora la potenza statunitense è proiettata prima di tutto nel Pacifico e l’Unione europea, se non prende l’iniziativa diplomatica e fa valere il suo peso nei confronti della Cina, non ha alcun ruolo rilevante (non a caso gli inglesi hanno colto l’occasione di essere presenti con la loro Marina). Ciò porta con sé un pericolo, che le relazioni fra le due sponde dell’Atlantico si allentino. Per evitarlo è necessario che chi guida gli Usa (chiunque sia) abbia relazioni strette con chi guida l’Ue. Quest’ultima non è una sola persona: Merkel è in uscita, per l’Italia di Draghi è un’occasione. Che richiede, per essere colta, continuità e stabilità. Vale a dire affidabilità.   Di Redazione

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La risposta di Tel Aviv agli Houthi

20 Luglio 2024
I raid hanno colpito il porto di Hodeida in risposta ai molti attacchi dei ribelli Houthi dall’i…

New York Times: Biden si dimetterà dopo aver incontrato Netanyahu

20 Luglio 2024
Dal New York Times al Washington Post, il possibile ritiro del presidente degli Stati Uniti, Joe…

La Russia condanna il giornalista del Wall Street Journal, Evan Gershkovich, a 16 anni di carcere duro

19 Luglio 2024
Per le autorità russe, il reporter avrebbe raccolto “informazioni segrete” su una fabbrica di ca…

Israele cambia strategia 

19 Luglio 2024
Pur non annunciandola pubblicamente, Israele ha cominciato la terza fase della guerra nella Stri…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI