app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Erdoğan

La guerra di Putin e i conti con il turco

L’Occidente prova a fidarsi di Erdoğan: un prezzo da pagare ma non a ogni costo. Toccherà guardare i fatti. Quelli, diversamente dalle chiacchiere, non mentono. 

| ,

La guerra di Putin e i conti con il turco

L’Occidente prova a fidarsi di Erdoğan: un prezzo da pagare ma non a ogni costo. Toccherà guardare i fatti. Quelli, diversamente dalle chiacchiere, non mentono. 

| ,

La guerra di Putin e i conti con il turco

L’Occidente prova a fidarsi di Erdoğan: un prezzo da pagare ma non a ogni costo. Toccherà guardare i fatti. Quelli, diversamente dalle chiacchiere, non mentono. 

| ,
| ,

L’Occidente prova a fidarsi di Erdoğan: un prezzo da pagare ma non a ogni costo. Toccherà guardare i fatti. Quelli, diversamente dalle chiacchiere, non mentono. 

LItalia nel 2021 è tornata a essere il primo partner commerciale della Libia, superando la Turchia (che lo è stata nel 2020, anno della pandemia) e la Cina (primo partner nel 2019), con un interscambio complessivo di 6,8 miliardi di euro, il 160% in più rispetto a quello del 2020. Una buona notizia e in questi tempi di conflitti ce n’è terribilmente bisogno, anche sei i numeri italiani del 2008, tre anni prima della guerra civile, sono lontani visto che all’epoca il nostro interscambio con la Libia superava i 17 miliardi di euro. Quando si parla di Tripoli e dintorni, il tassello economico non è però sufficiente a comprendere la situazione se non lo si accompagna almeno ad altri due elementi dello scacchiere globale: la situazione geopolitica e la guerra russa in Ucraina. Il filo dei rapporti internazionali e delle zone dinfluenza, infatti, si interseca oggi da Kiev a Tripoli.

Giovedì, a margine del vertice Nato di Bruxelles, il nostro presidente del Consiglio Mario Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron hanno incontrato il leader turco Recep Tayyip Erdoğan. Al centro dei colloqui – cui ne seguiranno a breve altri, come ha fatto sapere lo stesso Draghi – la guerra in Ucraina e la situazione in Libia. Su entrambe le questioni, da diverse settimane il presidente turco prova a proporsi come mediatore e paciere: sull’Ucraina, sostenendo di avere ancora un canale diplomatico aperto con i russi pur essendo alla guida di un Paese della Nato; sulla Libia, dove la Turchia è presente con soldati e mercenari in una posizione pure contrastante con gli interessi italiani e francesi.

Ancora ieri il Consiglio di sicurezza nazionale turco ha invitato le parti interessate in Libia – dove ci sono di fatto due governi: quello di unità del premier Abdul Hamid Dbeibeh (riconosciuto dall’Onu) e quello di stabilità nazionale di Fathi Bashagha, designato dalla Camera dei rappresentanti di Tobruk e sostenuto dal generale Khalifa Haftar – ad astenersi da misure che potrebbero portare allo scoppio di nuovi scontri. Giorni fa la Turchia si era pure candidata (come sull’Ucraina, del resto) a ospitare colloqui di pace tra le due parti libiche, ma senza successo. Un attivismo internazionale e diplomatico, quello di Erdoğan, che rappresenta oggi il prezzo da pagare al dialogo possibile dopo la guerra scatenata da Putin in Ucraina, un’invasione che ha sbaragliato tutti i rapporti internazionali prima esistenti.

Un prezzo da pagare ma non a ogni costo. Per questo, per misurare quanto Italia e Francia si potranno fidare dei turchi sulla Libia così come lOccidente tutto del nuovo Erdoğan che fa il paciere, toccherà guardare i fatti. Quelli, diversamente dalle chiacchiere, non mentono. Mai.

di Massimiliano Lenzi

Turchia – Siria: il terremoto più devastante degli ultimi 24 anni

Forti scosse di terremoto tra la Turchia e la Siria, il bilancio (al momento) è di 1.350 morti

Nel Regno Unito continuano gli scioperi

Sunak annaspa nel fare fronte alla crisi del settore pubblico. Intanto gli scioperi nel Regno Uni…

Prostituzione in Germania, gli effetti della legalizzazione

Tutti gli effetti della legalizzazione della prostituzione in Germania, sulla carta legge raziona…

L’unico modo per fermare la guerra

C’è un solo modo per fermare la guerra: chiarire ai russi che non potranno mai vincerla

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl