app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Regno Unito ed Europa all’unisono

Nonostante la Gran Bretagna sia fuori dall’Unione europea, si muove in sintonia con i suoi Stati membri per contenere la voglia di potenza di Putin. Boris Johnson ha infatti annunciato due prese di posizione per punire Mosca.
| ,

Regno Unito ed Europa all’unisono

Nonostante la Gran Bretagna sia fuori dall’Unione europea, si muove in sintonia con i suoi Stati membri per contenere la voglia di potenza di Putin. Boris Johnson ha infatti annunciato due prese di posizione per punire Mosca.
| ,

Regno Unito ed Europa all’unisono

Nonostante la Gran Bretagna sia fuori dall’Unione europea, si muove in sintonia con i suoi Stati membri per contenere la voglia di potenza di Putin. Boris Johnson ha infatti annunciato due prese di posizione per punire Mosca.
| ,
| ,
Nonostante la Gran Bretagna sia fuori dall’Unione europea, si muove in sintonia con i suoi Stati membri per contenere la voglia di potenza di Putin. Boris Johnson ha infatti annunciato due prese di posizione per punire Mosca.
Banche, gas e pallone. La triplice intesa anti-russa su finanza, energia e sport è realtà. La Gran Bretagna di Boris Johnson, nonostante sia fuori dall’Unione europea, si muove in sintonia con i suoi Stati membri sulle misure per contenere la voglia di potenza di Putin. E la sintonia non è soltanto di pensiero ma negli atti. Johnson ha annunciato due prese di posizione forti per punire Mosca. La prima riguarda le sanzioni adottate contro 5 banche russe, per congelare tutti gli asset britannici di alcuni noti oligarchi considerati vicini al presidente Putin, in risposta alle sue azioni in Ucraina.Si tratta – ha fatto sapere il premier inglese – «di una prima tranche di sanzioni economiche cui ne seguiranno altre se la situazione non cambierà». La seconda riguarda il pallone. Johnson ha infatti sottolineato che se l’atteggiamento di Putin resterà immutato la finale di Champions League non si potrà tenere, come programmato, a San Pietroburgo ma dovrà essere spostata fuori dalla Russia. Sul versante europeo la novità – non di poco conto – arriva dalla Germania guidata dal socialdemocratico Scholz. Tutti si son chiesti in queste settimane se Berlino avesse il coraggio, in caso di violazione della sovranità dell’Ucraina, di bloccare il gasdotto Nord Stream 2. Ebbene Scholz ha avuto questo coraggio. La morale politica è tratta: nonostante la Gran Bretagna non sia più nell’Unione europea, Londra e l’Europa si stanno muovendo assieme. E persino con un certo agonismo di fondo su chi sarà il più severo verso la Russia.   di Jean Valjean

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Premierato e conseguenze

27 Maggio 2024
Chi e cosa fa un premier non è ancora del tutto compreso, figurarsi con la pericolosa riforma pr…

Con-doni

27 Maggio 2024
C’è un’idea tutta italiana di concepire la politica che trascina con sé anche la totale perdita …

Europee e paradossi italiani

26 Maggio 2024
Non possiamo avere alcuna idea delle esatte percentuali che usciranno dalle urne dei prossimi 8 …

Meloni: “Stoltenberg? Bisogna essere prudenti, ma Nato mantenga fermezza”

26 Maggio 2024
Meloni su Gaza: “Bisogna sempre ricordare chi è il responsabile di questa crisi in partenza: Ham…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI