app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

La ricerca vitale di Marcel Proust

Il tempo non è quello meccanicamente quantificabile dell’orologio o del calendario, ma il flusso della vita intima.
|

La ricerca vitale di Marcel Proust

Il tempo non è quello meccanicamente quantificabile dell’orologio o del calendario, ma il flusso della vita intima.
|

La ricerca vitale di Marcel Proust

Il tempo non è quello meccanicamente quantificabile dell’orologio o del calendario, ma il flusso della vita intima.
|
|
Il tempo non è quello meccanicamente quantificabile dell’orologio o del calendario, ma il flusso della vita intima.

L’incipit sembra evocare le ambiguità del dormiveglia. Lo stato vigile di Marcel si dissolve quasi subito nel sonno, ma presto l’autore si ridesta e maneggia confuso la lampada del comodino e il libro che leggeva. Non si direbbe un avvio esaltante, per una cattedrale letteraria come “La Recherche”. E infatti l’esaltazione non è certo il leitmotiv di quel lungo tempo perduto – eppure via via recuperato per il semplice fatto di venir fermato sulla carta. Il tempo, smarrito o ritrovato che sia, non è quello meccanicamente quantificabile dell’orologio o del calendario, ma il flusso della vita intima: una dimensione tutta interiore che si dilata o contrae come nella filosofia di Bergson o nella relatività di Einstein, comunque estranea all’automatico positivismo della tecnologia.

La stanza dell’hotel di Balbec si affaccia sul mare e sul cielo: e quello spazio in fermento, per il trascorrere delle ore e il calar del sole, genera lampi e colori sempre diversi, che nella camera avvolgono vetri, tendaggi e arredi; stessi oggetti ma riflessi cangianti, come nelle ninfee di Monet. Ecco un’ampolla di cristallo che si tinge di un giallo dorato. Per non parlare dei molti aromi del copriletto a fiorami. Proust dedica intere pagine anche alle minime metamorfosi che popolano il suo spazio-tempo: dove carpe diem significa in realtà “cogli la luce” dell’attimo luminoso.

L’autore scrive nel suo letto di dolori: è pallido, cagionevole, non si sente brillante. Avvolto da speciali protezioni acustiche di sughero perché non sopporta i rumori esterni, quasi confonde vita e scrittura in un quieto eroismo, insieme titanico e dimesso. La ricerca si diluisce in una meticolosa ricostruzione di vezzi, tresche e lussi di famiglie borghesi e aristocratiche, oltre a pettegolezzi, amori e tanto altro. L’infelice passione per Gilberte e poi per Albertine. Spicca su tutti l’elegante figura di Swann, dandy borghese colto e mondano. Le fanciulle in fiore sono descritte minutamente una per una: ma da lontano, con qualche melanconia. C’è poi il grande amore per la nonna, la tata e in primo luogo la madre: che languore, se manca il bacio della buonanotte!

Questo recupero del passato avviene per due vie: la memoria e i sensi. Come suoni, sapori o la precisa impronta di un profumo antico. La potenza evocativa di un semplice dolcetto intinto nel tè – quella Madeleine mai abbastanza citata – apre a sorpresa tutto un mondo di affetti e immagini, che si fa fisico con le parole e i colori: perché Proust, a suo modo, è anche pittore. Incantato da Vermeer, vede la penna come un pennello: non tecnica ma visione. Così innalza il suo «immenso edificio del ricordo».

Di Gian Luca Caffarena

Bilanci e impegni

La soddisfazione è aver visto crescere i lettori e contemporaneamente il numero e la qualità dell…

Morto il produttore delle maghette Pierrot. Segnò un’epoca

Yuji Nunokawa è scomparso improvvisamente a 75 anni a casa sua. Una vita dedicata agli anime, di …

Il “Corriere dei piccoli” di Paola Lombroso

Se il “Corriere dei piccoli”, il giornale che ha accompagnato i bimbi italiani dal 1908 al 1995, …

Punta Raisi, lotteria della vita e della morte

In “Notizia del disastro” (pubblicato nel 2001 e ora riproposto da Sellerio) Roberto Alajmo ricos…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl