app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Quando il silenzio diventa virale: non c’è solo Khaby Lame!

In un mondo virtuale dominato da un incomprensibile esibizionismo succede che i gesti valgano più di mille parole. Oltre a Khaby Lame, ad aver sbancato i social, c’è chi cucina piatti giganti o chi, semplicemente, balla.

|

Molte persone credono che sui social network alzare la voce significhi farsi notare di più. Soprattutto su Instagram e TikTok, i preferiti dai giovanissimi, dilagano l’esibizionismo sfrenato e la violenza.

Tuttavia, qualcuno riesce a ritagliarsi un proprio angolo anche contravvenendo queste “regole”. Sono i cosiddetti outsiders, persone che nulla sembrano avere a che vedere con i social ma che sono diventate, con i loro modi di fare unici, delle vere e proprie star all’interno della rete.

Due nomi su tutti: Khaby Lame e Czn Burak. Ad accomunare queste due star del web una caratteristica ben precisa: l’arte di comunicare senza proferire verbo.

Khaby Lame: il ragazzo che semplifica la vita

Khaby Lame è sulla bocca di tutti. Con il suo gesto delle mani, ormai popolare in tutto il mondo, fa capire quanto inutili e banali siano certi video che circolano nella rete.

Piemontese, 21enne di origini senegalesi, Khaby ha battuto in poco tempo quasi ogni record. Con i suoi attuali 113 milioni di follower è il tiktoker più seguito in Europa e la seconda persona in tutto il mondo a superare quota 100 milioni di seguaci. Davanti a lui fa meglio solo Charli D’Amelio, giovane star digital americana che conta ben 125 milioni di follower su TikTok ma che presto potrebbe essere superata. Anche lei come Khaby deve il suo successo al silenzio e come forma di espressione alle parole preferisce il ballo.

Più fan di Chiara Ferragni

Da quando Khaby è diventato popolare, con i suoi oltre 47 milioni di seguaci su Instagram, il suo profilo ha superato il numero di fan totali di Chiara Ferragni (24 milioni) e Fedez (12 milioni), messi insieme.

Ironia e semplicità, ma anche una durata dei video che raramente supera il minuto, sono i principali ingredienti del suo exploit.

KHABY LAME E I VIP

Khaby non si è fatto notare solo dai ragazzini ma anche da molte persone famose che, spesso, partecipano ai suoi divertenti video, come ad esempio l’ex calciatore della Juventus Alessandro Del Piero.

 

Ma l’ex attaccante non è l’unico ad aver fatto parte dei video divertenti di Khaby, anche star mondiali come i ferraristi Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno voluto duettare con lui. Ultima, solamente in ordine temporale, la famosissima modella Naomi Campbell.

 

Collaborazioni che dilatano la popolarità di tutti i partecipanti. Mbappe e Hakimi, due tra i più forti calciatori del PSG (Paris Saint Germain) dopo il gol di Hakimi hanno esultato imitando il famoso gesto delle mani del giovane tiktoker.

La chiave del successo di Khaby è così semplice da replicare che sono in molti a imitarlo ma senza lo stesso riscontro. Perchè non è solo una questione di idee e gestualità, serve avere la faccia giusta, quello sguardo dal piglio beffardo che ce l’hai oppure no. E poi, come sempre, essere i primi ad aver fatto qualcosa influisce tantissimo.

Czn Burak: lo chef sempre sorridente

C’è chi associa il potere del silenzio all’ironia come Khaby, chi alla leggiadria e alla sensualità come Charlie D’Amelio e chi invece preferisce abbinarlo a un gran sorriso come Burak Özdemir, conosciuto con il suo pseudonimo Czn Burak (Czn da Cinzano, nome del negozio di prodotti tessili di proprietà del padre). Il ragazzo è uno chef turco diventato in poco tempo star del web che ha trasformato la propria passione per la cucina in una fonte di guadagno importante dato che può contare su 48 milioni di follower su TikTok e 28 milioni su Instagram.

La sua specialità? Cucinare piatti giganti e sorridere, sorridere sempre, senza mai parlare.

Usare un linguaggio fatto solo di gesti permette di parlare a tutto il mondo e questo dettaglio non può essere una scelta dettata solo dal caso.

Burak, nato il 24 marzo 1994 e diventato virale con i suoi video su TikTok, era già uno chef e un imprenditore di successo ancora prima di esplodere sul social cinese.

 

Sappiamo molto bene come il cibo sui social vada estremamente di moda. Lui però non è come molti altri, uno che si limita a fare foto e video alle sue pietanze. Il fatto di cucinare nel suo modo, unico e originale, è diventato lo “show”, facendo passare le pietanze quasi in secondo piano.

Le collaborazioni e il marketing che non si vede. Video virtuali – incassi reali.

Proprio Khaby Lame e Czn Burak, non a caso, hanno collaborato tra loro in video molto semplici ed intuitivi nei quali entrambi mostrano le mosse che li hanno resi celebri nel mondo: il gesto delle mani di Khaby e il sorriso di Burak.

Khaby, che ha iniziato a fare video solo poco tempo fa (durante il lockdown del 2020), dice di non essere ricco nonostante i numeri da capogiro. “Aiuto i miei genitori, questo sì” ha dichiarato in più occasioni. 

La sua versione relativamente ai guadagni è poco convincente anche perchè proprio di recente il ragazzo è diventato un vero e proprio marchio.

Khaby shop è il negozio online in cui si possono acquistare in tutto il mondo prodotti targati Khaby, tra i quali oggetti che aiutano, ovviamente, a semplificare la vita e a risolvere i “problemi” della quotidianità: si va dalle classiche magliette con lui sopra rappresentato fino ad utensili caratteristici come una macchina per i pop-corn o addirittura una taglierina per angurie, oggetti che lui stesso ha utilizzato in molti suoi video celebri e che ora vanno completamente a ruba.

La taglierina, ad esempio, è andata sold out nel giro di qualche ora.

Czn Burak, con la sua fama da tiktoker, ha sicuramente avuto molti più clienti nella sua catena di ristoranti. Proprio di recente la sua catena ha aperto un nuovo locale a Dubai dove i suoi clienti, c’è da crederci, apprezzeranno sicuramente il silenzio a tavola e piatti abbondanti.

 

di Filippo Messina

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl