app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Timothée Chalamet è il primo uomo copertina Vogue in 106 anni

Chalamet, il primo uomo copertina Vogue Uk in 106 anni

Timothée Chalamet è sulla bocca di tutti e non solo per le sue perfomance attoriali ma anche per aver rotto le rigide regole imposte negli anni da Vogue Uk diventando il primo uomo-cover in 106 anni di storia del magazine.
|

Chalamet, il primo uomo copertina Vogue Uk in 106 anni

Timothée Chalamet è sulla bocca di tutti e non solo per le sue perfomance attoriali ma anche per aver rotto le rigide regole imposte negli anni da Vogue Uk diventando il primo uomo-cover in 106 anni di storia del magazine.
|

Chalamet, il primo uomo copertina Vogue Uk in 106 anni

Timothée Chalamet è sulla bocca di tutti e non solo per le sue perfomance attoriali ma anche per aver rotto le rigide regole imposte negli anni da Vogue Uk diventando il primo uomo-cover in 106 anni di storia del magazine.
|
|
Timothée Chalamet è sulla bocca di tutti e non solo per le sue perfomance attoriali ma anche per aver rotto le rigide regole imposte negli anni da Vogue Uk diventando il primo uomo-cover in 106 anni di storia del magazine.
Timothée Chalamet è il primo uomo a conquistare la copertina di British Vogue in 106 anni di storia.
Una notizia che potrà sembrare marginale ma che in realtà è il simbolo di una rottura radicale dai vecchi – seppur funzionali a lungo- schemi archetipici su cui il magazine più autorevole del mondo in ambito moda e lifestyle si è sempre basato.
 
A prova di questo, è il Direttore stesso Edward Enninful a spiegare le motivazioni nell’editoriale del numero di ottobre: “In questo momento storico gli uomini non hanno certo bisogno di più spazi, tuttavia c’è qualcosa che mi sembra nel migliore dei casi old-fashion, nel peggiore rétro, nel suddividere i generi in scatole così chiuse… La moda oggi è espressione di sé, è politica, è gioco, riguarda cosa ci fa stare bene”.
 
L’obiettivo è delineare, così com’è stato negli anni per le donne, un uomo nuovo, e chi meglio di Timothée, il 26 enne franco-americano osannato dalle folle e protagonista del prossimo film in uscita di Luca Guadagnino ‘Bones and All’, che ha riscosso un successo notevole alla Biennale di Venezia. Una vera e propria star che non è passata inosservata al British Vogue. Prima di lui, gli uomini nelle cover erano sempre accompagnati da donne, fungendo quasi da accessorio di complemento.
“Timothée ispira donne e uomini, amato da adolescenti e da nonne. Riunisce l’energia di figure come James Dean e di Leonardo DiCaprio a vent’anni, ma con un approccio che smantella le vecchie nozioni di mascolinità”.
Una nuova e importante responsabilità è stata affidata a questo giovane astro nascente che, speriamo, riesca a reggere il peso dello show biz che può essere generoso quanto crudele.
di Raffaela Mercurio

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La settimana della moda milanese, barbuto in gonnella e calzino

La settimana della moda milanese offre un inusuale spaccato di umanità. Persino una città abituat…

Non comprare un’ottima camicia perché “made in Romania”

Un problema che si fanno più le aziende, che non si accorgono come  i consumatori siano ormai pro…

Bambine sessuate come dive

Al via l’edizione di Pitti bimbo: nulla di male nella moda dei bimbi se si lasciasse loro la libe…

Da Genova al mondo: 150 anni dei Jeans Levi’s

Il 20 maggio 1873, 150 anni fa, un genovese trapiantato negli Usa brevetta il primo Jeans Levi’s …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI