app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Fedez J-Ax

Che bello rivedere Fedez e J Ax

Dopo quattro anni Fedez e J-Ax si sono chiariti. Nasce così l’idea di un grande progetto musicale nella città di Milano a favore della Fondazione Together to Go – Tog, che cura con terapie riabilitative i bimbi con patologie neurologiche complesse
|

Che bello rivedere Fedez e J Ax

Dopo quattro anni Fedez e J-Ax si sono chiariti. Nasce così l’idea di un grande progetto musicale nella città di Milano a favore della Fondazione Together to Go – Tog, che cura con terapie riabilitative i bimbi con patologie neurologiche complesse
|

Che bello rivedere Fedez e J Ax

Dopo quattro anni Fedez e J-Ax si sono chiariti. Nasce così l’idea di un grande progetto musicale nella città di Milano a favore della Fondazione Together to Go – Tog, che cura con terapie riabilitative i bimbi con patologie neurologiche complesse
|
|
Dopo quattro anni Fedez e J-Ax si sono chiariti. Nasce così l’idea di un grande progetto musicale nella città di Milano a favore della Fondazione Together to Go – Tog, che cura con terapie riabilitative i bimbi con patologie neurologiche complesse
Un abbraccio che sa di speranza, due amici che ci sono ritrovati e un progetto benefico. Tre cose belle che si fondono, nel vedere nuovamente insieme Fedez e J Ax. Dopo quattro anni, dopo screzi che sembravano insanabili e invece sono diventati minuscoli. Si sono rivisti il giorno stesso in cui il primo ha scoperto di avere un tumore al pancreas e in quell’occasione entrambi si sono probabilmente resi conto di quanto fosse trascurabile il dissapore che li aveva distratti dalla loro amicizia. I fan naturalmente sono impazziti di gioia e per una volta anche i critici hanno preferito tacere. Fedex e J Ax hanno deciso di tornare a esibirsi sullo stesso palco per un evento benefico il 28 giugno a Milano. L’intento è quello di raccogliere fondi a favore di una fondazione che si occupa di terapie riabilitative per i bambini con patologie neurologiche complesse. Una scelta che merita un plauso e costituisce un segnale di speranza, dopo la pandemia e l’intervento a cui Fedez è stato sottoposto. Una dimostrazione, l’ennesima, di quanto la musica abbia il potere di riunire. Che piacciano o no, il loro binomio è senz’altro fra quelli di sicuro successo e anche questo ha un suo peso. È poi stato importante sentire le parole di Fedez, che ha spiegato come il tumore che l’ha colpito non abbia intaccato i linfonodi: «Al 90% non dovrò fare la chemio» ha spiegato. Ed era quello che tutti i suoi fan aspettavano di sentire, a testimonianza dell’enorme importanza di una diagnosi preventiva. E se lo ricorda Fedez, funziona di più.   Di Gaia Bottoni

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Trovate a casa di Alain Delon 72 armi e oltre 3mila munizioni

Trovate – e sequestrate – 72 armi da fuoco e oltre 3.000 munizioni durante una perquisizione a ca…

“Muschio Selvaggio” è di Luis Sal, non di Fedez. La clausola della “roulette russa”

“Il tribunale di Milano decide su ‘Muschio Selvaggio’: è di Luis Sal”. Continua la battaglia lega…

Gueppecartò e il concerto a Milano per i 20 anni di carriera

I Gueppecartò saranno in concerto il 17 marzo all’Arci Biko Milano con 20, un evento speciale per…

Past Lives, l’amore pensato di vite passate

“Past Lives” è ora nelle sale italiane ed è candidato a due premi Oscar, per il miglior film e la…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI