app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
hollywood

La macchina dei sogni riparte

Dopo quasi cinque mesi di mobilitazione, la macchina dei sogni che è Hollywood inizia a muovere qualche timido passo in avanti

|

La macchina dei sogni riparte

Dopo quasi cinque mesi di mobilitazione, la macchina dei sogni che è Hollywood inizia a muovere qualche timido passo in avanti

|

La macchina dei sogni riparte

Dopo quasi cinque mesi di mobilitazione, la macchina dei sogni che è Hollywood inizia a muovere qualche timido passo in avanti

|
|

Dopo quasi cinque mesi di mobilitazione, la macchina dei sogni che è Hollywood inizia a muovere qualche timido passo in avanti

Gli sceneggiatori si sono rimessi al lavoro e gli attori si accomodano al tavolo delle trattative. Dopo quasi cinque mesi di mobilitazione a Hollywood compare qualche timido sorriso dopo l’accordo triennale sottoscritto dalle penne di cinema e tv con l’Amtpt, l’associazione che rappresenta i grandi produttori.

Aumenti della paga minima, garanzie sulla fase di scrittura dei soggetti e percentuali più alte dei diritti d’autore per le opere destinate allo streaming: questa è la base del tentative deal, ossia intesa provvisoria in attesa che venga siglata. La questione più spinosa e non ancora risolta riguarda l’uso dell’intelligenza artificiale, che secondo i lavoratori di Hollywood rappresenta una minaccia per il futuro della loro professione.

In attesa di altri dettagli, lo sblocco della situazione degli sceneggiatori deve aver influenzato parecchio anche gli attori sul piede di guerra sulla collina di Los Angeles: entro un paio di giorni le parti riprenderanno a discutere del contratto, come rivelato dal sindacato degli attori SAG-AFTRA, che ha dato inizio alla fase di mobilitazione il 14 luglio, per poi lavorare assieme al sindacato degli sceneggiatori e autori Writers Guild of America (Wga) e scendendo in strada assieme il 14 agosto) su alcuni temi specifici, come i ricavi dai diritti d’autore per i contenuti destinati appunto allo streaming.

Dunque, ora l’attesa si sposta sulla fine della protesta degli attori. Lo sciopero collettivo sinora sarebbe costato cinque miliardi di dollari. Tanto, anche sulla collina di Hollywood.

di Nicola Sellitti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La serie Fallout, western da fantascienza

19 Aprile 2024
La serie “Fallout”, prodotta da Amazon: un grande successo sia per i fan dell’omonima saga di vi…

Angelina Mango annuncia il primo album di inediti “poké melodrama”

18 Aprile 2024
Ieri sera durante il concerto sold out al Fabrique di Milano, Angelina Mango ha annunciato il pr…

Cara racconta “Verso Casa”

17 Aprile 2024
Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Cara in occasione dell’uscita del nuovo singolo “Verso…

Amy Winehouse, parabola triste di una star indimenticata

17 Aprile 2024
Per celebrare la vita di Amy Winehouse e indagarne le ombre, sarà al cinema da domani il film “B…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI