app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Sanremo varietà

Sanremo e il mito del varietà italian style

Stasera comincia il 72mo Festival di Sanremo e non sono solo “canzonette”. Oltre a intrattenere, il Festival, dovrebbe cimentarsi in una sfida difficile ma necessaria: ridare un po’ di buonumore agli italiani dopo due anni di pandemia e sacrifici.
| ,

Sanremo e il mito del varietà italian style

Stasera comincia il 72mo Festival di Sanremo e non sono solo “canzonette”. Oltre a intrattenere, il Festival, dovrebbe cimentarsi in una sfida difficile ma necessaria: ridare un po’ di buonumore agli italiani dopo due anni di pandemia e sacrifici.
| ,

Sanremo e il mito del varietà italian style

Stasera comincia il 72mo Festival di Sanremo e non sono solo “canzonette”. Oltre a intrattenere, il Festival, dovrebbe cimentarsi in una sfida difficile ma necessaria: ridare un po’ di buonumore agli italiani dopo due anni di pandemia e sacrifici.
| ,
| ,
Stasera comincia il 72mo Festival di Sanremo e non sono solo “canzonette”. Oltre a intrattenere, il Festival, dovrebbe cimentarsi in una sfida difficile ma necessaria: ridare un po’ di buonumore agli italiani dopo due anni di pandemia e sacrifici.
Roberto Benigni, Beppe Grillo, Maurizio Crozza. I comici al Festival di Sanremo sono di casa da decenni. E non potrebbe essere altrimenti visto che la canzone è il pre-testo per fare un varietà nazionalpopolare una volta l’anno, ancora oggi nel 2022 che i varietà in prima serata sono scomparsi e pure il nazionalpopolare – con la frammentazione dell’ascolto tv e il boom di social e web – non se la passa tanto bene. Stasera comincia il 72mo Festival di Sanremo ma da giorni, più che di canzoni, si parla di Fiorello (cosa farà, quando ci sarà?) e di Checco Zalone, un comico di gran talento che ancora riesce a far ridere senza inzuppare le sue gag nel moralismo. Per un Paese come il nostro che non ha le dimensioni dell’America e neppure ha Hollywood, ebbene Sanremo è il grande evento, una notte degli Oscar de noantri che anziché durare una notte ne dura cinque. Una settimana in cui una cittadina sulla lingua di Liguria diviene l’ombelico di tv, media, attenzioni, gossip, anticipazioni, curiosità, attese. Per la televisione e la Rai che lo manda in onda un modo di ricordare com’eravamo, senza bisogno delle teche ma con ospiti dal vivo, dando un’occhiata a quel che siamo oggi. Quest’anno, almeno speriamo, oltre a intrattenere Sanremo dovrebbe cimentarsi in una sfida difficile ma necessaria: ridare un po’ di buonumore agli italiani dopo due anni di pandemia e di sacrifici. Non è facile, ma già avere Checco Zalone e Fiorello potrebbe aiutare. In fondo, aveva ragione Eduardo De Filippo: «Ha da passà ‘a nuttata».   de Il Duca Minimo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

In diretta dal Festival di Cannes – SETTIMO GIORNO

20 Maggio 2024
Dal regista Ali Abbasi con il film “The Apprentice” al maestro canadese Cronenberg, per la setti…

Dietro le quinte del Festival di Cannes

19 Maggio 2024
“E poi, d’un tratto, ci si accorge che al Festival di Cannes c’è anche il mare”. Federico Fumaga…

Ombre cinesi sulla Croisette

18 Maggio 2024
DA CANNES: la seria candidatura alla Palma d’oro di “Caught By the Tides”, diretto dal regista c…

Addio a Franco Di Mare

17 Maggio 2024
È morto, all’età di 68 anni, Franco Di Mare. In una recente intervista aveva dichiarato di avere…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI