app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Sanremo 2022, il più furbo di sempre

Al Festival di Sanremo 2022, oltre ai soliti big in gara, anche quest’anno una nutrita rosa di giovanissime proposte. Una scelta non casuale che mira a richiamare i ragazzi davanti alla tv nei giorni della sfida e in un secondo momento sulle piattaforme streaming. L’obiettivo? Scovare i nuovi Maneskin.
| ,

Sanremo 2022, il più furbo di sempre

Al Festival di Sanremo 2022, oltre ai soliti big in gara, anche quest’anno una nutrita rosa di giovanissime proposte. Una scelta non casuale che mira a richiamare i ragazzi davanti alla tv nei giorni della sfida e in un secondo momento sulle piattaforme streaming. L’obiettivo? Scovare i nuovi Maneskin.
| ,

Sanremo 2022, il più furbo di sempre

Al Festival di Sanremo 2022, oltre ai soliti big in gara, anche quest’anno una nutrita rosa di giovanissime proposte. Una scelta non casuale che mira a richiamare i ragazzi davanti alla tv nei giorni della sfida e in un secondo momento sulle piattaforme streaming. L’obiettivo? Scovare i nuovi Maneskin.
| ,
| ,
Al Festival di Sanremo 2022, oltre ai soliti big in gara, anche quest’anno una nutrita rosa di giovanissime proposte. Una scelta non casuale che mira a richiamare i ragazzi davanti alla tv nei giorni della sfida e in un secondo momento sulle piattaforme streaming. L’obiettivo? Scovare i nuovi Maneskin.
Squadra che vince non si cambia. Tra nuove giovanissime proposte e riconferme dei più grandi della musica italiana, Amadeus, direttore artistico e conduttore della 72esima edizione di Sanremo, continua a puntare su un cast di cantanti che metta d’accordo tutti i gusti, ma soprattutto quelli dei ragazzi, forte del successo straordinario ottenuto dai Maneskin vincitori della scorsa edizione. I nomi delle voci in gara sono stati svelati con largo anticipo rispetto al solito dopo che il settimanale “Chi” aveva già rivelato i primi 16 artisti del Festival. Da qui la decisione della Direzione di Rai Uno di modificare in corsa il regolamento in merito alle modalità di comunicazione degli artisti, dando la possibilità di renderli noti fin dal 2 dicembre. Da Aka7even a Sangiovanni, reduci quest’anno dall’esperienza di “Amici di Maria De Filippi”, a Mahmood in duetto con Blanco; e poi ancora il rapper Rkomi, Irama, Michele Bravi, Ana Mena, Achille Lauro, tale tendenza coraggiosa nella scelta di giovani artisti ha avuto inizio lo scorso anno proprio con Amadeus, che aveva deciso di puntare su astri nascenti della musica italiana come Madame, Aiello e la band oramai di fama mondiale dei Maneskin.

Una scelta corretta e lungimirante alla luce del successo ottenuto da questi ragazzi talentuosi.

Amadeus ci ha però abituati a un cast pensato per una platea ben più ampia e quest’anno ha voluto puntare sempre più in alto grazie alla presenza di artisti senza tempo come Donatella Rettore, Massimo Ranieri e Gianni Morandi, forte di una canzone scritta da Jovanotti per l’occasione. Chi invece sembra non trovare in alcun modo un posto nella rosa dei big sono i “Jalisse”. Dopo l’ennesima esclusione, il duo composto da Fabio Ricci e Alessandra Drusian che vinse il Festival nel 1997 con “Fiumi di parole”, ha affidato la propria delusione a un lungo sfogo sui social: “Oggi sono 25 i brani e 25 le esclusioni dal Festival, ma questa volta lascio parlare le persone […]. La famosa ripartenza non è per tutti; noi Jalisse non abbiamo spazio sul pentagramma del Festival di Sanremo, ma si può parlare di noi e fare citazioni”. Una riflessione sorge spontanea: com’è possibile che un gruppo che è arrivato a vincere il Festival di Sanremo sia finito subito poi nell’oblio tanto da dover fare i conti con il peso di un fallimento, mentre dall’altra parte una band di giovanissimi sconosciuta fino a un paio di anni fa come i Maneskin abbiano raggiunto un successo planetario in così poco tempo?

Ci si potrebbe appellare certamente al talento e alla meritocrazia. Ma dietro a fenomeni come i Maneskin, senza nulla togliere al loro talento, ci sono strategie a monte nella scelta degli artisti e delle loro canzoni.

Sanremo non finisce in quei cinque giorni ma dura un anno intero. Il nome dei Maneskin, nel mondo, richiama inevitabilmente anche quello di Sanremo. Proprio per questo si punta sull’appeal dei giovanissimi che stanno dominando le classifiche delle maggiori piattaforme streaming. Sono loro che possono garantire un successo garantito di vendite e visibilità, capace di scavalcare confini prima ad ora inimmaginabili come quello del mercato Usa. Da Emma Marrone a Elisa, da Blanco a Iva Zanicchi, quest’anno il Festival offre una delle fotografie più eterogenee possibili di quella che è comunemente definita come la “canzone italiana”.

Una canzone che oggi è molte cose diverse tra loro, la maggior parte delle quali sarà presente nella prossima edizione di Sanremo, che così tiene conto della rivoluzione in corso nella musica del nostro Paese.

Una scelta coraggiosa da parte della rete ammiraglia Rai non solo perché punta sui brani che passano sempre più nelle piattaforme streaming – la musica che generalmente cattura un pubblico che di essa ne fa una gran fruizione – ma anche per la ricerca di nuovo pubblico, quello più giovane, che la televisione tradizionale la guarda a malapena ma che, grazie alle scelte degli ultimi anni, ha acquistato successo anche tra questa tipologia di spettatori.   Di Alessia Luceri

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

“Cattivissimo Me 4” tra record e Mega Minions

18 Luglio 2024
Attesissimo dai fan di tutto il mondo, “Cattivissimo Me 4” arriverà in Italia in anteprima il 7 …

Fre, Giovanni di Bernardo e la loro “Caronte”

17 Luglio 2024
Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il rapper Fre e il compositore cinematografico Giovann…

Teneri e sarcastici Jefferson

17 Luglio 2024
Il prossimo anno saranno già 50 candeline. Era infatti il 18 gennaio 1975 quando nei quieti pali…

Come vendere la Luna

15 Luglio 2024
Esce in sala “Fly Me to the Moon”, il quarto lungometraggio di Greg Berlanti, già sceneggiatore…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI