app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

L’attesissima finale di stasera di Champions League: Pro Recco- Novi Beograd

Alle 19:30 di sabato 4 giugno, in diretta su Sky Sport1, l’attesissima finale di Champions League tra la Pro Recco e il Novi Beograd per tentare di conquistare la decima coppa della loro storia.

|

La Pro Recco è in finale di Champions League per la quarta volta nelle ultime sette edizioni: a Belgrado i campioni d’Europa superano il Ferencvaros per 10-7 in un match dominato e con una difesa mostruosa in versione finale Scudetto.

Stasera alle 19:30 su Sky Sport Uno i biancocelesti andranno a caccia della decima coppa contro il Novi Beograd padrone di casa che nell’altra semifinale ha sconfitto il Brescia 14-13.

La gara:

Mister Sukno lascia a riposo Aicardi e inserisce nei tredici Bertoli.
Pro Recco avanti dopo due minuti e quaranta secondi: Figlioli per Hallock al centro, l’americano gira veloce e fulmina Vogel. Un altro centroboa, Ubovic, pareggia 80 secondi più tardi sfuggendo alla marcatura della difesa. I biancocelesti faticano con l’uomo in più sbagliando i primi tre assegnati dal duo arbitrale, gli ungheresi, invece, trovano il vantaggio alla seconda superiorità con il tiro di Merkulov deviato su cui Del Lungo non può nulla: il primo quarto finisce così sull’1-2.

Copione che non cambia in avvio di secondo quarto con la Pro Recco poco lucida in fase offensiva che fallisce una doppia superiorità senza neppure andare al tiro. Serve un rigore, conquistato da Hallock, per rivedere i biancocelesti segnare: lo trasforma Ivovic a meno di quattro minuti dalla sirena (2-2) rompendo un digiuno durato nove. Equilibrio che dura lo spazio di un’azione perché il Ferencvaros si riporta in vantaggio con Fekete in superiorità. I biancocelesti non si scompongono ed Echenique da posizione 2 incastra il pallone nell’angolino lontano. Del Lungo mura Vigvari e la Pro Recco ritorna in vantaggio capitalizzando, con Ivovic, la sua prima superiorità del match (1/6).

A 80 secondi dal cambio campo ecco il 4-4: Bertoli va nel pozzetto (terzo fallo) e Merkulov da posizione centrale non sbaglia. La controfuga di Di Fulvio innescata da Del Lungo vale il secondo rigore di giornata che Zalanki, il grande ex, insacca per il 5-4 che chiude il quarto.

Campioni d’Europa sul +2 dopo 150 secondi del terzo tempo con Loncar che servito al centro da Cannella si gira in un fazzoletto e piega le mani di Vogel. La difesa biancoceleste è in grande serata e Di Fulvio stoppa il tiro di Vamos in superiorità, Sukno chiama time out sul capovolgimento di fronte e disegna il +3 di Cannella con l’uomo in più (7-4). La Pro Recco scava il solco con Younger sopra la testa di Vogel, Del Lungo è mostruoso su Vamos ma nulla può sulla seconda superiorità consecutiva che permette al mancino ungherese di trovare il gol dopo sei minuti del terzo tempo. Sukno ha un Hallock immarcabile al centro, il numero 12 si libera di Jansik e non dà scampo al portiere ungherese: è il 9-5 che manda le squadre agli ultimi otto minuti.

Il divario raffredda i magiari, la Pro Recco gestisce bene in difesa con Del Lungo in grande spolvero ben supportato dalle braccia dei compagni. Il tempo scorre fino a tre minuti dal termine quando il diagonale vincente di Di Fulvio dai 7 metri significa +5 e partita in ghiaccio. I gol di Denes Varga e Vamos nell’ultimo minuto di gioco valgono solo per le statistiche: a Belgrado la Pro Recco è ancora in finale di Champions League.

Gli spogliatoi:

Sandro Sukno: “Ci aspettavamo qualche difficoltà in avvio, d’altronde era una semifinale. Abbiamo sbagliato diverse occasioni in avvio, ma i ragazzi sono rimasti tranquilli e nel terzo tempo abbiamo fatto la differenza e aumentato il ritmo dimostrando che stiamo bene fisicamente. Nell’ultimo periodo il Ferencvaros ha mollato di giocare sul +4. Abbiamo battuto Barceloneta e Ferencvaros, due squadre fortissime, abbiamo voglia e fame di compiere un ulteriore passo: sarà difficile contro la squadra padrona di casa composta da numerosi fuoriclasse. Ci attende una battaglia”.

Aleksandar Ivovic: “All’inizio si è visto che eravamo un po’ contratti sbagliando molte superiorità, tra cui una doppia. Quando ci siamo sbloccati ci siamo sciolti, dietro abbiamo fatto una grande prestazione. Loro ci hanno messo in difficoltà alternando pressing con zona M poi dopo il gol di Echenique siamo cresciuti e portato a casa la vittoria con maturità. Ora il Novi Beograd, una squadra fatta per vincere con cinque campioni olimpici in carica e Vlachopoulos che è arrivato secondo. Noi siamo campioni in carica e vogliamo batterli davanti al loro pubblico per coronare una stagione meravigliosa”.

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl