app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Da uno sfratto a un omicidio senza giustizia

Il blocco degli sfratti terminerà a fine anno, ma è solo una delle tante cause che aggravano e scatenano tensioni tra inquilini e proprietari di casa. Il 79enne ucciso a Cagliari dal suo affittuario è l’esempio che rispecchia la realtà in Italia.
|

Da uno sfratto a un omicidio senza giustizia

Il blocco degli sfratti terminerà a fine anno, ma è solo una delle tante cause che aggravano e scatenano tensioni tra inquilini e proprietari di casa. Il 79enne ucciso a Cagliari dal suo affittuario è l’esempio che rispecchia la realtà in Italia.
|

Da uno sfratto a un omicidio senza giustizia

Il blocco degli sfratti terminerà a fine anno, ma è solo una delle tante cause che aggravano e scatenano tensioni tra inquilini e proprietari di casa. Il 79enne ucciso a Cagliari dal suo affittuario è l’esempio che rispecchia la realtà in Italia.
|
|
Il blocco degli sfratti terminerà a fine anno, ma è solo una delle tante cause che aggravano e scatenano tensioni tra inquilini e proprietari di casa. Il 79enne ucciso a Cagliari dal suo affittuario è l’esempio che rispecchia la realtà in Italia.
L’epilogo tragico di una vicenda simile a tante raccontate in questi mesi. Un inquilino moroso e un proprietario di casa che da anni tenta di rientrare in possesso del proprio appartamento. Una lite fra i due e l’inquilino, 76 anni, spara e uccide il 79enne a cui doveva otto anni di affitto. È accaduto in provincia di Cagliari, ma è l’emblema di situazioni praticamente identiche che si verificano in tutta Italia e che il blocco degli sfratti, che terminerà a fine anno, ha solo aggravato. In questo caso i due abitavano l’uno accanto all’altro, c’era una sentenza di sfratto che sarebbe diventata esecutiva a febbraio, ma la tensione era diventata insostenibile fra i due e così quando per l’ennesima volta il proprietario ha chiesto all’inquilino di lasciare la casa e pagargli gli affitti arretrati, lui gli ha sparato. Il problema – qui e in tante vicende analoghe – è che sono questioni che dovrebbero risolversi in fretta e che invece si trascinano per anni: persino quando interviene l’ufficiale giudiziario la maggior parte delle volte non cambia nulla. Se il moroso non si fa trovare, il tutto slitta ancora per altri mesi. Non esiste poi un automatismo che preveda l’intervento della forza pubblica, l’unica cosa che nella maggior parte dei casi sarebbe risolutiva. Un corto circuito che si ripete e sul quale è inaccettabile non si intervenga. Anche perché i proprietari si ritrovano in un limbo che pare infinito e cercano di risolvere da soli le cose, a rischio di andare incontro a reazioni violente. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

È morto Franco Anelli, rettore dell’Università Cattolica: si tratterebbe di suicidio

24 Maggio 2024
Franco Anelli, il magnifico rettore dell’Università Cattolica di Milano, è morto a 60 anni nella…

Ilaria Salis lascia il carcere: andrà ai domiciliari

23 Maggio 2024
Ilaria Salis ha lasciato questa mattina il carcere di massima sicurezza di Budapest e si trova a…

Pozzuoli, nuova scossa di 3.4 dopo una notte tranquilla

22 Maggio 2024
La notte è stata tranquilla, ma poco fa una nuova scocca ha fatto tremare gli edifici dell’area …

Taxi, comandano loro

22 Maggio 2024
Ieri a Roma lo sciopero dei taxi ha paralizzato completamente il servizio nella capitale (come i…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI