app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Le tasche piene di sassi

Un padre che muore quando i figli sono adolescenti crea un vuoto enorme che si riempie di esperienze che hanno tutte una cosa in comune: l’assenza
|

Le tasche piene di sassi

Un padre che muore quando i figli sono adolescenti crea un vuoto enorme che si riempie di esperienze che hanno tutte una cosa in comune: l’assenza
|

Le tasche piene di sassi

Un padre che muore quando i figli sono adolescenti crea un vuoto enorme che si riempie di esperienze che hanno tutte una cosa in comune: l’assenza
|
|
Un padre che muore quando i figli sono adolescenti crea un vuoto enorme che si riempie di esperienze che hanno tutte una cosa in comune: l’assenza

Le favole antiche iniziano sovente con una perdita. Un genitore muore lasciando i figli con vuoti enormi da colmare e difficoltà improvvise da superare. Affrontare mostri e paure ataviche attraverso le favole rappresenta da sempre una tappa importante della crescita dei bambini che li aiuta a conoscere ed elaborare le proprie emozioni, anche le più cupe.

Le favole moderne spesso riprendono questo schema, analizzando con ancora più profondità gli aspetti psicologici e le conseguenze. Oltre alle fiabe questa struttura è utilizzata a volte anche dai moderni romanzi d’appendice.

Un esempio è la pluripremiata serie televisiva americana “This is Us”. Nelle oltre 80 puntate finora andate in onda, la trama ruota intorno alla tragica scomparsa del pater familias e alle conseguenze pratiche –ma soprattutto psicologiche – a cui devono far fronte i tre figli, la moglie e le persone che gravitano intorno alla famiglia.

Può sembrare strano e difficile costruire una storia così lunga intorno a un singolo episodio, per di più drammatico. Chiunque abbia avuto la sventura di perdere un proprio caro prematuramente sa però che non è così complicato. Un papà –“il” papà, come in questo caso –rappresenta una figura fondamentale per la crescita e la formazione dei figli.

Insegna ad amare, senza aspettarsi nulla in cambio, trasferisce valori, insegnamenti, educa senza imporre, è sempre presente anche con uno sguardo. E un padre che muore quando i figli hanno 17 anni, come in questa fiction, crea un vuoto enorme che si riempie piano piano di esperienze che hanno tutte un comune denominatore: la mancanza. Le tappe principali della vita non saranno mai complete.Il trofeo di tennis, la recita scolastica, la laurea, il matrimonio, la nascita dei figli. Saranno tutti giorni meravigliosi. Ma saranno tutti giorni “senza”.

E così la vita, come nella serie “This is us”, sarà un continuo alternarsi di gratitudine per aver avuto un genitore così prezioso e di rabbia, anche quella irrazionale nei suoi confronti, per essere stati abbandonati troppo presto. Pregi e difetti di chi non c’è più diventeranno sempre più sfumati per costruire nella memoria una figura rispondente ai propri bisogni e ai propri ideali. Quando il pilastro a cui ruota tutto intorno non c’è più si perde la direzione.

Si cerca una nuova strada per tentativi ed errori. Da una parte tutto deve essere come lui, come avrebbe fatto lui. Dall’altra si cerca di allontanarsi perché bisogna trovare il modo di andare avanti, per non continuare a soffrire così nel e dal profondo. “This is us” è riuscita a trasmettere tutto questo.

A creare una linea narrativa forte e credibile, consentendo di immedesimarsi e di vivere con diversi livelli di coinvolgimento le vicende della famiglia Pearson. E soprattutto a raccontare la storia complessa e avvincente di un papà speciale. Forse troppo.

 

di Federica Marotti

L’apocalisse dentro di noi

Di fronte a catastrofi come il terremoto in Turchia e Siria veniamo pervasi da un angosciante sen…

Minore uccide tartaruga, l’Enpa agirà (anche) contro i genitori

Quanto successo a La Spezia, dove un minore ha fracassato una tartaruga fino a ucciderla, merita …

Tragedia all’Università Iulm, il cordoglio della redazione

Stamane una ragazza di 19 anni si è tolta la vita in università. Una tragedia che impone silenzio…

‘Ndrine, latinos e mafie

Cocaina, pizzo e pistole, mentre le ‘ndrine operano in silenzio e controllano il tutto, arricchen…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl