app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Malagiustizia con effetti inammissibili

Il figlio di sette anni è stato ucciso a Morazzone dal padre, Davide Paitoni 40 anni, già noto alla procura di Varese per la sua pericolosità. Probabilmente questa tragedia poteva essere evitata, va fatta chiarezza.
|

Malagiustizia con effetti inammissibili

Il figlio di sette anni è stato ucciso a Morazzone dal padre, Davide Paitoni 40 anni, già noto alla procura di Varese per la sua pericolosità. Probabilmente questa tragedia poteva essere evitata, va fatta chiarezza.
|

Malagiustizia con effetti inammissibili

Il figlio di sette anni è stato ucciso a Morazzone dal padre, Davide Paitoni 40 anni, già noto alla procura di Varese per la sua pericolosità. Probabilmente questa tragedia poteva essere evitata, va fatta chiarezza.
|
|
Il figlio di sette anni è stato ucciso a Morazzone dal padre, Davide Paitoni 40 anni, già noto alla procura di Varese per la sua pericolosità. Probabilmente questa tragedia poteva essere evitata, va fatta chiarezza.
Davide Paitoni, l’uomo che ha ucciso il figlio di sette anni, era socialmente pericoloso e la Procura di Varese lo sapeva. Ancora più sconcertante è quello che emerge sul cortocircuito giudiziario che ha innescato questa vicenda. Il presidente del Tribunale aveva fatto sapere che nulla era loro arrivato riguardo alle denunce a carico dell’uomo per maltrattamenti in famiglia e che quindi gli incontri tra padre e figlio erano stati autorizzati visto che lui si trovava ai domiciliari per il pericolo di inquinamento delle prove e non perché risultasse pericoloso. In Procura rispondono che, quando venne chiesto il provvedimento cautelare, era stata contestata la pericolosità del padre del bimbo e che al gip erano note anche quelle denunce presentate sia dalla moglie sia dai genitori di lei. Va chiarito al più presto cosa sia avvenuto e come sia stato possibile allora che venisse comunque accettata la richiesta dell’avvocato di Paitoni. Il ministro Cartabia ha disposto di svolgere «con urgenza» accertamenti su tutta questa vicenda. Appare chiaro che vi sia stato un blackout di cui qualcuno dovrà rispondere. Anche perché il gip nell’ordinanza di custodia cautelare sottolinea come il pubblico ministero avesse indicato che le denunce per maltrattamenti potevano risolversi anche «favorevolmente per l’indagato». Insomma, su quelle non c’erano ancora certezze sufficienti. Su chi abbia sbagliato verrà fatta chiarezza. Restano il dramma e la sensazione che forse tutto questo poteva essere evitato. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Palermo, marito dell’eurodeputata Donato trovato morto in auto

25 Maggio 2024
È stato ritrovato oggi, nella sua auto, l’architetto Angelo Onorato, titolare di un negozio di a…

È morto Franco Anelli, rettore dell’Università Cattolica: si tratterebbe di suicidio

24 Maggio 2024
Franco Anelli, il magnifico rettore dell’Università Cattolica di Milano, è morto a 60 anni nella…

Ilaria Salis lascia il carcere: andrà ai domiciliari

23 Maggio 2024
Ilaria Salis ha lasciato questa mattina il carcere di massima sicurezza di Budapest e si trova a…

Pozzuoli, nuova scossa di 3.4 dopo una notte tranquilla

22 Maggio 2024
La notte è stata tranquilla, ma poco fa una nuova scocca ha fatto tremare gli edifici dell’area …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI