app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
prescrizione

Prescrizione: conviene più essere colpevoli che innocenti

Il nostro latitante, condannato in via definitiva a pena detentiva, si appresta a vedere cadere la pena in prescrizione, sicché potrà tornare in Italia e farci marameo.

|

Prescrizione: conviene più essere colpevoli che innocenti

Il nostro latitante, condannato in via definitiva a pena detentiva, si appresta a vedere cadere la pena in prescrizione, sicché potrà tornare in Italia e farci marameo.

|

Prescrizione: conviene più essere colpevoli che innocenti

Il nostro latitante, condannato in via definitiva a pena detentiva, si appresta a vedere cadere la pena in prescrizione, sicché potrà tornare in Italia e farci marameo.

|
|

Il nostro latitante, condannato in via definitiva a pena detentiva, si appresta a vedere cadere la pena in prescrizione, sicché potrà tornare in Italia e farci marameo.

Il caso di un ex parlamentare, condannato e latitante all’estero, ci fa tornare alla mente quanto sia improvvido legiferare senza nozioni di diritto. Per giunta in materia di giustizia.

Con incivile riforma – voluta e varata dal governo Conte 1, quindi con i voti del Movimento 5 Stelle e della Lega – si è cancellata la prescrizione ove non intercorsa prima della sentenza di primo grado. Osservammo la follia, perché la sentenza poteva anche essere assolutoria. Osservammo l’inciviltà, perché un presunto innocente (da considerarsi tale ai sensi della Costituzione e di un paio di trattati internazionali) sarebbe potuto rimanere a vita sotto processo. Come se i processi non fossero già insopportabilmente lunghi. Osservammo, però, anche la scemenza: perché hanno cancellato la prescrizione del processo ma non quella della pena. Che anche quella si estingue, se non scontata.

Ebbene, il nostro latitante, condannato in via definitiva a pena detentiva, si appresta a vedere cadere la pena in prescrizione, sicché potrà tornare in Italia e farci marameo. Che è pure meritato, perché solo un Parlamento popolato da populisti demagoghi e semi analfabeti può avere pensato di scrivere in una legge che il processo non si estingue mai per il presunto innocente, mentre la pena si cancella per il sicuramente colpevole. Per giunta dando a quella indecente legge il nomignolo intestato allo spazzare via i colpevoli.

Lo sappiamo, molti dimenticano. Ma si tratta di una colpa, non certo di una ragione per far spallucce.

Di Gaia Cenol

‘Ndrine, latinos e mafie

Cocaina, pizzo e pistole, mentre le ‘ndrine operano in silenzio e controllano il tutto, arricchen…

Per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio

Il compleanno di una 17enne, in un giovedì qualunque romano, si è trasformato in tragedia

Palermo, inaccettabile una bambina in ipotermia a scuola

In una scuola di Palermo i riscaldamenti sono rotti da tempo ma nessuno interviene, fino a quando…

Emanuela Orlandi sghignazzata da Fedez

La battuta di Fedez su Emanuela Orlandi, insieme al co-conduttore Luis Sal durante la puntata di …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl