app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Strage di Erba spiragli di revisione

Spiragli di revisione su Erba

Strage di Erba: si apre un primo spiraglio sulle sorti dei coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi. Una vicenda che da sempre divide l’Italia
|

Spiragli di revisione su Erba

Strage di Erba: si apre un primo spiraglio sulle sorti dei coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi. Una vicenda che da sempre divide l’Italia
|

Spiragli di revisione su Erba

Strage di Erba: si apre un primo spiraglio sulle sorti dei coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi. Una vicenda che da sempre divide l’Italia
|
|
Strage di Erba: si apre un primo spiraglio sulle sorti dei coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi. Una vicenda che da sempre divide l’Italia
Una vicenda sanguinosa, intricata e discussa come la strage di Erba non poteva che avere una coda all’altezza, sotto forma di una richiesta di revisione della sentenza di condanna che già di per sé aveva diviso l’Italia. E sulla quale è lecito aspettarsi nuove polemiche, ora che la Corte d’appello di Brescia ha fissato per l’1 marzo la prima delle udienze che serviranno a stabilire se accogliere o meno le richieste della difesa (e avviare quindi il processo di revisione). Si apre dunque un primo spiraglio sulle sorti dei coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi, in carcere ormai da 17 anni con un ergastolo da scontare come autori della strage che l’11 dicembre 2006 causò la morte di quattro persone (fra cui un bimbo di due anni) in un’abitazione di Erba, 16mila abitanti in provincia di Como. Fra confessioni ritrattate, personaggi discutibili, inchieste e contro-inchieste che hanno acceso per anni ogni tipo di discussione – spostando ora da un lato e ora dall’altro l’ago del tifo da stadio dell’opinione pubblica – qualche mese fa è stato il sostituto procuratore della Repubblica di Milano Cuno Tarfusser a presentare un’istanza di revisione della condanna dei coniugi, convinto della loro innocenza. Ne erano seguite polemiche (più o meno strumentali) che però ora vengono azzerate. Al di là delle convinzioni da talk show, la difesa sostiene di avere elementi nuovi (testimoni e consulenze) e forti abbastanza per riaprire il caso e far finalmente assolvere due innocenti. di Valentino Maimone La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Donna di 41 anni uccisa a coltellate a Bovolenta (Padova). Ipotesi omicidio-suicidio

Un altro femminicidio, l’ennesimo. Sara Buratin è stata trovata morta in casa della madre a Bovol…

Caserta: 85enne smaschera finto corriere

A Caserta, una 85enne ha smascherato un finto corriere che le chiedeva 1.400 euro per la consegna…

Nessuna infermità mentale per Alessia Pifferi

Invocare l’infermità mentale è una delle strategie difensive più usate. E abusate. È successo anc…

Un anno dalla strage di Cutro

Un anno è trascorso dalla notte tra il 25 e il 26 febbraio, quando un caicco naufragò di fronte a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI