app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
apple academy di Napoli

Si trova a Napoli l’Apple Academy

L’Apple Academy del capoluogo campano nasce dalla collaborazione tra il colosso del tech, l’ateneo cittadino di riferimento e la Regione. Un modello da seguire per quella Napoli sorda all’auto-lamentismo ma ostacolata dalla carenza di servizi.
|

Si trova a Napoli l’Apple Academy

L’Apple Academy del capoluogo campano nasce dalla collaborazione tra il colosso del tech, l’ateneo cittadino di riferimento e la Regione. Un modello da seguire per quella Napoli sorda all’auto-lamentismo ma ostacolata dalla carenza di servizi.
|

Si trova a Napoli l’Apple Academy

L’Apple Academy del capoluogo campano nasce dalla collaborazione tra il colosso del tech, l’ateneo cittadino di riferimento e la Regione. Un modello da seguire per quella Napoli sorda all’auto-lamentismo ma ostacolata dalla carenza di servizi.
|
|
L’Apple Academy del capoluogo campano nasce dalla collaborazione tra il colosso del tech, l’ateneo cittadino di riferimento e la Regione. Un modello da seguire per quella Napoli sorda all’auto-lamentismo ma ostacolata dalla carenza di servizi.

Secondo la Cnn è tra le mete da visitare nel 2022. Unica italiana nella lista della sezione viaggi del network newyorkese assieme a Valencia, Oslo, Perù e Australia. Una «città verace dai mille colori» per “The New York Times”, che l’inserisce tra i 52 posti del nuovo anno per un «mondo cambiato», in cui i visitatori possono essere parte della soluzione al turismo intensivo e al cambiamento climatico. Stiamo parlando di Napoli, dove si trova pure una «piccola Silicon Valley», così definita un anno fa dal quotidiano tedesco “Der Spiegel”.

A San Giovanni a Teduccio, periferia Est, nell’ex fabbrica di conserve di pomodori Cirio opera infatti l’Apple Academy. Sviluppatori, designer, imprenditori: un hub dell’innovazione avviato quasi sei anni fa e che ha convinto a tal punto il colosso di Cupertino da prolungare al 2025 la collaborazione con l’Università degli Studi Federico II.

Tra sviluppo di software, design delle app e creazione di startup, l’Apple Academy in questo momento è un’altra delle polaroid di una metropoli che cerca la sua strada, la sua centralità in Italia e nel Mediterraneo. Napoli che è metodo, non solo ingegno, sorda all’auto-lamentismo ma ostacolata dalla carenza di servizi. Napoli terza in Italia per pmi e startup innovative (dati Mise), che fa ricorso alle competenze verticali, in scia alle capitali italiane ed europee che si agganciano alla transizione digitale, punto centrale del Pnrr.

«L’Academy è un’occasione di crescita per professionisti e aziende ma anche un esempio. Sappiamo che la scarsa propensione al digitale delle amministrazioni periferiche, come Comuni e Asl, impedisce la crescita tecnologica delle pmi meridionali» riflette Giorgio Ventre, direttore scientifico della Developer Academy, che sottolinea anche la scarsa propensione alla tecnologia in alcune regioni del Sud, certificata dall’Istat: nel Meridione il 40% dei cittadini non dispone di un pc o di un tablet.

Per Napoli che cerca modelli c’è dunque la Apple Academy, che nasce dalla collaborazione tra un colosso mondiale del tech, l’ateneo cittadino di riferimento e un pezzo delle istituzioni: quella Regione Campania che ha investito fondi europei sull’area ex industriale, ora divenuta un campus universitario sul modello americano.

In quella stessa zona si contano peraltro diverse altre academy: DtLab di Cisco, Digita di Deloitte, Cyber Hackademy di Accenture, CyBorg di Tim, 5G di CapGemini, Tim, Nokia e Make, l’academy delle Ferrovie dello Stato, poi Aspi e Kpmg. Oltre cento aziende hanno partecipato a eventi di recruiting per i diplomati dell’Apple Academy che una volta usciti dal campus napoletano vanno a formare una developer community: quelli che l’innovazione la costruiscono per i consumatori e da cui attingono giganti del tech in Europa, in Asia, negli Stati Uniti.

di Nicola Sellitti

La battaglia all’inflazione non è finita

La battaglia all’inflazione non è vinta. La parte più cruenta per il sistema finanziario e le fam…

Il nazionalismo economico non è la risposta alla Cina

Al portentoso sviluppo della Cina nel settore automobilistico, c’è chi vorrebbe rispondere con il…

Soldi europei. Responsabilità italiane

Tanti chiedono ancora quattrini all’Ue, dimenticando che nessuno ne prende quanto noi.

Aggravio

Promettere sgravi programmando aggravi è uno sport dei nostri politici senza politica che diventa…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl