app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La pandemia non frena la spesa dei ricchi

Il lusso non si ferma, neppure in tempi di pandemia. In particolare, la Ferrari ha registrato nel 2021 un anno record superando la soglia dei 4 miliardi di ricavi grazie a un crescente aumento delle consegne totali.
|

La pandemia non frena la spesa dei ricchi

Il lusso non si ferma, neppure in tempi di pandemia. In particolare, la Ferrari ha registrato nel 2021 un anno record superando la soglia dei 4 miliardi di ricavi grazie a un crescente aumento delle consegne totali.
|

La pandemia non frena la spesa dei ricchi

Il lusso non si ferma, neppure in tempi di pandemia. In particolare, la Ferrari ha registrato nel 2021 un anno record superando la soglia dei 4 miliardi di ricavi grazie a un crescente aumento delle consegne totali.
|
|
Il lusso non si ferma, neppure in tempi di pandemia. In particolare, la Ferrari ha registrato nel 2021 un anno record superando la soglia dei 4 miliardi di ricavi grazie a un crescente aumento delle consegne totali.
Il lusso non si ferma, neppure in tempi di pandemia. Nei giorni scorsi sono usciti i dati – piuttosto sconfortanti – relativi al mercato dell’auto in Italia, che nel gennaio 2022 ha registrato ancora un calo del 19,7% delle immatricolazioni, arrivando a segnare nel complesso una flessione del 35% rispetto al 2019. Dati pessimi, con però un ‘ma’ che riguarda la performance di un marchio italiano famoso nel mondo e che in tanti ci invidiano: la Ferrari. Ebbene, il Cavallino di Maranello ha registrato nel 2021 un anno record superando la soglia dei 4 miliardi di ricavi grazie a un crescente aumento delle consegne totali, che hanno fatto segnare un +22,3% rispetto al 2020 e un +10,1% rispetto al 2019. Il successo, nonostante la pandemia, di un marchio di lusso come la Ferrari pone alcune riflessioni sull’economia di questi due anni, nel corso dei quali i più ricchi hanno continuato a spendere mentre entrava in crisi il mondo dei consumatori normali (di portafoglio). Chi ha molti soldi non ha sentito infatti nelle tasche il contraccolpo del virus ed è normale che sia così. Il fatto è che – tornando alla crisi del mercato dell’auto di cui scrivevamo all’inizio – il grosso del business si costruisce sul mondo dei consumatori normali: quelli che, impauriti da quando stava accadendo, hanno sentito il bisogno di risparmiare quattrini. Una difesa economica che, augurandoci un ritorno alla normalità in tempi brevi, speriamo si abbassi sempre di più per ridare slancio ai consumi. E alla vita di tutti.   Di Jean Valjean

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

C’è qualcosa di malato

25 Maggio 2024
Il governo e la brutta figura sul redditometro. Il commento del direttore Davide Giacalone

“Giovani, siate visionari”, parla Massimo Renda di Caffè Borbone

23 Maggio 2024
Massimo Renda, fondatore di Caffè Borbone, è tra i leader italiani nell’industria del caffè. Ecc…

Interporto Rivers Venezia, un faro che ci crede e investe

21 Maggio 2024
Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, sol…

Ristagno, il problema dei conti pubblici

19 Maggio 2024
A giugno si aprirà la procedura europea d’infrazione per lo squilibrio nei conti pubblici. Quel …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI