app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Soldi e vincoli Ue

Il via libera della Commissione europea per i 21 miliardi da destinare all’Italia nell’ambito del Next Generation Eu è un prezioso passo avanti. A dispetto di chi crede che gli adempimenti e le regole siano un capriccio delle istituzioni.

|

La Commissione europea ha dato il via libera alla prima parte dei finanziamenti legati al programma Next Generation Eu. Manca il via libera, scontato, del Comitato economico e finanziario e quei soldi saranno in cassa. Si tratta di un passo avanti prezioso, non solo per l’ammontare (21 miliardi di euro) ma perché significa che tutti gli adempimenti sono stati onorati.

Tali adempimenti non sono uno sfizio burocratico o una capziosa verifica dei “compiti a casa” ma il necessario controllo nell’uso di soldi che sono finanziati e garantiti da tutti i contribuenti europei. Si dovrebbe farlo sempre, anche per le spese nazionali. Fin qui gli adempimenti sono stati di carattere formale, relativi ai piani, ora si entra nella sostanza: quante cose e in che tempi si realizzano, quali riforme si fanno e in che tempi diventano realtà. Anche questo dovremmo farlo sempre (da lustri) ma il vincolo esterno è sia sprone che garanzia. A futura memoria, prima che qualche sciocco inviti i finanziatori a farsi gli affari loro.

di Sofia Cifarelli

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl