app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Destre d'Europa

Destre, diverse e distanti

Da Orbán che spiazza tutti andando a trovare Zelensky, a Marine Le Pen e fino a Giorgia Meloni. Più che un’Armada la destra appare un insieme di consorterie in lotta fra loro

|

Destre, diverse e distanti

Da Orbán che spiazza tutti andando a trovare Zelensky, a Marine Le Pen e fino a Giorgia Meloni. Più che un’Armada la destra appare un insieme di consorterie in lotta fra loro

|

Destre, diverse e distanti

Da Orbán che spiazza tutti andando a trovare Zelensky, a Marine Le Pen e fino a Giorgia Meloni. Più che un’Armada la destra appare un insieme di consorterie in lotta fra loro

|
|

Da Orbán che spiazza tutti andando a trovare Zelensky, a Marine Le Pen e fino a Giorgia Meloni. Più che un’Armada la destra appare un insieme di consorterie in lotta fra loro

Beh, però andiamoci piano. È vero che i partiti di destra, anche estrema, hanno colto significativi successi nelle elezioni europee ed è altrettanto evidente che nelle opinioni pubbliche continentali spira un vento che favorisce le pulsioni antisistema e antieuropee volte a cercare agganci ‘amicali’ con Putin. Sono fenomeni che si fronteggiano non con gli anatemi bensì con la politica (ci torniamo dopo) e che destano giustificati allarmi soprattutto quando si ammantano di posizioni antisemite o esplicitamente xenofobe fino al razzismo. Tuttavia, da qui a rappresentare la destra come una sorta di Armada Invencible – in marcia con gli scarponi chiodati (e il passo dell’oca?) verso la cittadella del potere nazionale e continentale, irrefrenabile e destinata a travolgere tutto e tutti – ce ne passa. In primo luogo la destra è plurale almeno quanto la sinistra, con divaricazioni e spaccature che provocano rotture e scissioni, con protagonisti in lotta l’uno contro l’altro (o l’altra) per l’egemonia, con programmi e obiettivi diversi e divaricati, in una condizione cioè che ben difficilmente è capace di fare massa e condizionare sul serio il futuro della Ue. Non a caso, subito dopo la chiusura dei seggi elettorali, nel Parlamento di Strasburgo è cominciata la guerriglia nei gruppi di appartenenza, con Ecr di Meloni scoppiata in quattro fazioni, con l’AfD tedesca che mira a costruire un nuovo contenitore più radicale e con l’immarcescibile Viktor Orbán – uno che da ragazzo si definiva «ingenuo e devoto sostenitore» del regime comunista; che si è laureato con una tesi su Solidarność e ha fondato il suo partito Fidesz su basi liberal-democratiche salvo poi trasformarlo in una forza squisitamente nazionalista – che assume la presidenza di turno della Ue e per prima cosa spiazza tutti andando a trovare Zelensky per guadagnarsi il ruolo di king maker nel rapporto tra Europa e Russia.

Per non parlare di madame Le Pen, trionfatrice nel primo turno delle elezioni francesi e che appare destinata a oscurare la nostra presidente del Consiglio come first lady dei sovranisti pro-Mosca e anti Nato – mentre la Meloni è arruolata sul fronte opposto – potendo contare sull’appoggio (tutt’altro che disinteressato in chiave italiana) di Matteo Salvini. Al dunque, più che un’Armada la destra appare un insieme di consorterie in lotta fra loro, agguerrite e potenti ma prive di una strategia unitaria. Sciagurato sottovalutarla; insensato considerarla un devastante meteorite pronto a schiantarsi e a schiantare Bruxelles.

Piuttosto chi punta a combatterla dovrebbe fare lo sforzo di capire le ragioni del suo successo, svellere le radici che ne innervano il consenso, contrastare con programmi, proposte e azioni il carico di rabbia che induce gli elettori a premiarla. Ossia, come scrivevamo, mettendo in campo una forte iniziativa politica: e chissà se alla von der Leyen e ai suoi sostenitori fischiano le orecchie. Evitando sulfuree sconciatoie. Perché in effetti una strada per compattare la destra e renderla davvero formidabile esiste ed è quella che ha deciso di percorrere l’inquilino dell’Eliseo chiamando a raccolta tutte le forze contrarie in una union sacrée di ciellenistica italiana memoria. Una sorta di grande, indigesta miscellanea che fa numero ma non, appunto, politica (sic!); che mira a tenere insieme gli antisemiti con i pro-Israele, gli amici di Vladimir e Donald con i fan di Biden, i sedicenti liberal-democratici con la sinistra più radicale. Un modello che la Schlein si è affrettata a dire di voler replicare dalle nostre parti, riedizione aggiornata dell’Unione prodiana di infausta memoria.

Forse sarebbe meglio prendere esempio da Starmer, che per trionfare non ha accettato un unanimismo peloso e di facciata ma ha fatto piazza pulita nel Labour degli estremisti e degli antisemiti. Ma c’è la Brexit: e quanto è lontana Londra.

Di Carlo Fusi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Europa, la politica ha battuto un colpo

22 Luglio 2024
La vicenda europea si stava mettendo male ed è finita come non poteva non finire, cioè bene. E l…

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI