app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Giorgia Meloni

Lasciamo stare Garibaldi

Giorgia Meloni e l’inno al “O si fa l’Italia o so muore”, l’inutile gioco della “ricostruzione” di ciò che prima andava meglio di adesso
|
Ci risiamo con paroloni e parole d’ordine. Ieri, intervenendo a distanza alla kermesse di Fratelli d’Italia di Milano, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha fatto ricorso a una citazione garibaldina, per sottolineare le difficoltà del momento politico: “O si fa l’Italia o si muore”.
 
L’Italia non è un campo di macerie, non è un Paese da creare da zero modello nuovo Risorgimento, non è stato raccolto dal governo uscito dalle elezioni del 25 settembre prostrato e senza indirizzo. L’Italia è reduce da due anni di crescita economica poderosa, che non ha colore politico e dovrebbe far felice tutti. Viene da un’esperienza certamente “estrema“ ma il governo Draghi ha riportato il Paese a un grado di credibilità e prestigio internazionale che non si vedevano da tempo. Questi sono fatti, non macerie.
 
Far passare il concetto – per l’ennesima volta – che sia tutto da rifare, che prima fosse tutto distrutto non solo è falso, ma pericoloso per il governo stesso. Non è ‘colpa’ della Meloni, ma è un altro fatto che la produzione industriale italiana a fine 2022 abbia dato segnali negativi, dopo i mesi di crescita complessiva di cui si diceva. Ripetiamo, non si tratta di assegnare responsabilità, ma è certo che il governo dovrà affrontare mesi economicamente complessi, in un contesto internazionale che resta molto delicato. È probabile che non si cresca come si è cresciuto nel 2021 2022, che senso ha continuare questo gioco della “ricostruzione” di ciò che prima andava meglio di adesso?
 
Giorgia Meloni non corre alcun rischio dalle opposizioni, con il Pd disperso e il Movimento Cinque Stelle interessato solo a gonfiare i propri sondaggi sulla matrice protestataria e pauperistica scelta da Giuseppe Conte. Rischia per gli alleati riottosi, come ha sottolineato sempre ieri, ma parliamo pur sempre di due partiti che valgono meno di un terzo di Fratelli d’Italia e insieme neppure la metà.
 
Vincere e volare nei consensi popolari è tantissimo, ma non tutto. Rischia di essere poco, se non si coglie la responsabilità di decidere e far scelte non per confermare gli inutili sondaggi e continuare con la propaganda, ma per una politica che indichi un’idea di Italia.
Di Fulvio Giuliani

Putin a Xi: “Guardiamo con interesse alle proposte della Cina”

“Guardiamo con interesse alle proposte fatte dalla Cina per risolvere la crisi in Ucraina” ha det…

Lo spazio vitale del Movimento

Giuseppe Conte balla su una mattonella sempre più piccola perché il pavimento della politica è tu…

Giustizia, serve farla funzionare in tempi ragionevoli

Non c’è nessuno che sostenga la giustizia italiana funzioni bene. Ma le cose possono andare peggio

L’istinto della caverna

Quanto subito ieri da Francesca Pascale è uno spettacolo oltremodo imbarazzante, cronaca da caverna

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl