app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
gas

Propaganda filorussa sul gas

Per mesi sulla questione gas-energia ci siamo sorbiti una narrazione ossessiva da parte di un composito club, voce della propaganda filorussa
|

Propaganda filorussa sul gas

Per mesi sulla questione gas-energia ci siamo sorbiti una narrazione ossessiva da parte di un composito club, voce della propaganda filorussa
|

Propaganda filorussa sul gas

Per mesi sulla questione gas-energia ci siamo sorbiti una narrazione ossessiva da parte di un composito club, voce della propaganda filorussa
|
|
Per mesi sulla questione gas-energia ci siamo sorbiti una narrazione ossessiva da parte di un composito club, voce della propaganda filorussa

La terza riduzione consecutiva delle tariffe di gas ed energia elettrica è una buona cosa in sé, una notizia da accogliere con legittima soddisfazione da famiglie e imprese. Converrebbe, però, non limitarsi alla nuda cronaca, concedersi almeno un banale esercizio di memoria: per mesi ci siamo sorbiti una narrazione tambureggiante e ossessiva da parte di un composito club, il cui tratto comune può essere sintetizzato in un atteggiamento antioccidentale ai limiti del patologico. Quel grumo di filorussi putiniani pronto a vaticinare il disastro economico dell’Europa, aspirante suicida per le sanzioni imposte dopo la sciagurata invasione russa dell’Ucraina e – su tutto – lautosoffocamento che ci saremmo imposti rinunciando alle forniture di petrolio e gas russi.

Di tutto ciò non è accaduto nulla, ma proprio nulla. Nonostante la fatica dialettica dei medesimi personaggi di cui sopra – tesa a dimostrare la straordinaria vitalità e forza economica della madre Russia, contrapposta alla balbettante Europa – la realtà dei fatti è che lUnione europea si prepara ad affrancarsi integralmente dalla dipendenza dalle fonti energetiche russe entro una manciata di mesi. Anche i Paesi più esposti, Italia e Germania, hanno sorpreso tutti (nel nostro caso sicuramente anche noi stessi) attrezzandosi in tempi che in condizioni normali sarebbero risultati semplicemente improponibili. Certo, linverno mite ha aiutato e non poco a gestire al meglio gli stoccaggi e ridurre al minimo le sofferenze e le criticità negli approvvigionamenti di un sistema energivoro come quello produttivo italiano, ma non tutto può essere spiegato con la clemenza” metereologica.

Ci siamo mossi presto e bene, anche se tutto si può sempre far meglio: la mente corre al caso di scuola del rigassificatore di Piombino, nel quale politica e burocrazia italiana hanno dato il solito spettacolo di sé. Eppure, quella narrazione continua a far sentire i propri effetti, se è vero che loggettiva e brusca inversione di tendenza dei prezzi fatica a trovare spazio sui media e nel dibattito pubblico. Sia chiaro, lestenuante lentezza con cui il costo finale in bolletta si adatta alla riduzione dei prezzi all’origine – lì dove gli aumenti sono praticamente in tempo reale – certo non favorisce un approccio ragionato al tema. Comunque sia, non si può cedere sempre alla facile tentazione di raccontare il mondo e persino le crisi più complesse inseguendo una sconfortante banalizzazione a uso social e talk.

di Fulvio Giuliani 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Terzisti, né a destra né a sinistra

15 Giugno 2024
Ecco perché è patetico sentir dire che il ‘terzo polo’ ha ora bisogno di un nuovo federatore

Meloni: “Un onore presiedere il G7, è stato un successo”

15 Giugno 2024
Meloni ha toccato diversi temi chiave nella conferenza stampa a conclusione del G7. E sull’abort…

Voto e G7

15 Giugno 2024
Il risultato elettorale europeo e gli effetti sul vertice internazionale del G7 di Fasano, in pr…

Giovanni Toti resta ai domiciliari, rigettata l’istanza di revoca

14 Giugno 2024
Paola Faggioni, la giudice per le indagini preliminari, ha rigettato l’istanza di revoca degli a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI