app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Stato d’emergenza, l’occasione mancata

Con la proroga dello stato di emergenza fino a marzo 2022 si è persa l’occasione di pensare attivamente ad una stabilità del Paese, ancora una volta, rimandata almeno ad Aprile.
|

Stato d’emergenza, l’occasione mancata

Con la proroga dello stato di emergenza fino a marzo 2022 si è persa l’occasione di pensare attivamente ad una stabilità del Paese, ancora una volta, rimandata almeno ad Aprile.
|

Stato d’emergenza, l’occasione mancata

Con la proroga dello stato di emergenza fino a marzo 2022 si è persa l’occasione di pensare attivamente ad una stabilità del Paese, ancora una volta, rimandata almeno ad Aprile.
|
|
Con la proroga dello stato di emergenza fino a marzo 2022 si è persa l’occasione di pensare attivamente ad una stabilità del Paese, ancora una volta, rimandata almeno ad Aprile.
A guardare il bicchiere mezzo vuoto è un’occasione persa. A guardare quello mezzo pieno è un’occasione rinviata. Il governo mette le cose a posto, dal punto di vista formale, non prorogando lo stato d’emergenza, ma disponendo con legge che se ne disponga fino al marzo 2022. Decisione presa non solo perché l’emergenza è ancora in corso, come è evidente in ogni parte del mondo, ma anche perché ci sono una serie di provvedimenti che cadrebbero con il decadere di quella condizione: dalle regole del lavoro a distanza, ai viaggi, in uscita e in entrata, al personale sanitario provvisoriamente assunto. La stessa legge prevede che da aprile si dovrà dare un assetto stabile all’intera questione, descrivendo anche le condizioni e le modalità d’uscita dallo stato d’emergenza. Ovvero quanto qui sosteniamo da tempo. Sarebbe stato bene fare le due cose assieme. Pare evidente che si sia giunti impreparati e non coordinati. Peccato, perché avrebbe dato il senso di un pensare non piegato sull’emergenza.
di Gaia Cenol

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Europa, la politica ha battuto un colpo

22 Luglio 2024
La vicenda europea si stava mettendo male ed è finita come non poteva non finire, cioè bene. E l…

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI