app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Compri ora e paghi dopo

“Compri ora e paghi dopo”, la nuova moda Made in Usa

Una nuova moda Made in Usa sta rimpiazzando le tradizionali modalità d’acquisto online anche in Europa: il fenomeno del Bnpl ovvero “Buy now pay later” (Compri ora e paghi dopo)
|

“Compri ora e paghi dopo”, la nuova moda Made in Usa

Una nuova moda Made in Usa sta rimpiazzando le tradizionali modalità d’acquisto online anche in Europa: il fenomeno del Bnpl ovvero “Buy now pay later” (Compri ora e paghi dopo)
|

“Compri ora e paghi dopo”, la nuova moda Made in Usa

Una nuova moda Made in Usa sta rimpiazzando le tradizionali modalità d’acquisto online anche in Europa: il fenomeno del Bnpl ovvero “Buy now pay later” (Compri ora e paghi dopo)
|
|
Una nuova moda Made in Usa sta rimpiazzando le tradizionali modalità d’acquisto online anche in Europa: il fenomeno del Bnpl ovvero “Buy now pay later” (Compri ora e paghi dopo)
Una nuova moda Made in Usa sta rimpiazzando le tradizionali modalità d’acquisto online anche in Europa: si tratta del fenomeno del Bnpl ovveroBuy now pay later” (Compri ora e paghi dopo). In teoria la possibilità di dividere il pagamento (anche di cifre irrisorie) in poche rate anziché versare la somma in un’unica soluzione, senza interessi o sovrapprezzi, sembra portare solo vantaggi a tutte le parti coinvolte: chi vende riceve subito il pagamento, chi compra non deve sborsare subito tutto l’importo e le piattaforme di e-commerce si godono la festa grazie alle commissioni. Secondo i numeri resi noti dalla Banca dei regolamenti nazionali, con sede a Basilea, dal 2019 il “buy now pay later è arrivato a un giro d’affari di oltre 300 miliardi di dollari. Non si tratta, però, di un fenomeno privo di rischi. Le Autorità di vigilanza e le Banche centrali mettono in guardia sull’alto rischio di indebitamento e sulla possibilità che con questo sistema si possa entrare in un circolo vizioso di pagamenti ad libitum soltanto all’apparenza innocui. A conti fatti si tratta pur sempre di prestiti, sia pure contenuti, che graverebbero sulle spalle dei giovani e delle famiglie a basso reddito, le più attratte dal fenomeno. In una società in cui acquistare un’auto o una borsa griffata è piuttosto facile attraverso un semplice click, un’educazione finanziaria solida può essere l’unica soluzione per evitare di cadere nelle trappole del web oggi e non doversene pentire domani. di Raffaela Mercurio La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Milano per l’Ucraina al grido di “Slava Ukraini”

Grande partecipazione alla marcia milanese “Vittoria per la pace” nel giorno del secondo annivers…

Scuola e divieti incomprensibili

Divieti smartphone incomprensibili annunciati dal ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe …

Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza, forse

Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze a…

Spot sulla sicurezza stradale… senza cinture

Polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che promuovono la sic…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI