app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
confine

Se manca il confine

Al centro delle problematiche d’oggi c’è piuttosto la debolezza dell’idea di confine. La frontiera delimita. Il muro edifica, raccoglie e definisce
|

Se manca il confine

Al centro delle problematiche d’oggi c’è piuttosto la debolezza dell’idea di confine. La frontiera delimita. Il muro edifica, raccoglie e definisce
|

Se manca il confine

Al centro delle problematiche d’oggi c’è piuttosto la debolezza dell’idea di confine. La frontiera delimita. Il muro edifica, raccoglie e definisce
|
|
Al centro delle problematiche d’oggi c’è piuttosto la debolezza dell’idea di confine. La frontiera delimita. Il muro edifica, raccoglie e definisce

Immaginare una Terra senza confini è gratificante. L’abbattimento d’ogni umana barriera in un mondo senza proprietà né confini, ma unificato dall’amore universale, evoca la visionaria utopia di “Imagine”, la mitica canzone di John Lennon. Dove l’autore stesso si presenta come idealista sognatore («You may say I’m a dreamer»). In realtà, al centro delle problematiche d’oggi c’è piuttosto la debolezza dell’idea di confine. Di fronte a imponenti migrazioni intercontinentali, l’assenza di filtri efficaci è la miglior premessa alla xenofobia. La frontiera delimita. Il muro edifica, raccoglie e definisce. Protegge la civiltà, ma nella stessa etimologia – “cum-fine” – indica insieme ciò che ci separa e ci unisce.

Oggi, tra i confini più cruciali e controversi, abbiamo quello tra nazione e nazione, uomini e donne, bianco e nero, cittadino e straniero. Oltre, last not least, alla distinzione tra inquinamento (smog, afa estiva) e apocalisse. Così, alle tensioni ideologiche tra maschi e femmine si somma ora negli Stati Uniti quell’ideologia gender che nega le differenze naturali tra i sessi, agendo anche su adolescenti e bambini, ignorando ogni dato fisico e somatico, senza escludere chirurgia e psicofarmaci nei casi più fragili e incerti. Dove il sesso immaginato o dichiarato prevale su quello organico.

C’è chi nega o minimizza: ma no, non esiste, è solo uno spauracchio, un’esagerata montatura polemica. Non è vero: in Australia, in California come altrove vige un’anagrafe neutra, dove lo stato civile prescinde del tutto dal sesso biologico. Mentre è in atto una guerra spietata a bambole e vestitini rosa da bimbe (Barbie addio) e alle bellicose armi-giocattolo dei piccoli maschi. In Svezia la Toytop lancia giochi per “bambini neutri”. In proposito, il grande Umberto Eco suggeriva innocui fucilini a molla, che fanno pum-pum e non danneggiano nessuno. Di fronte a un tale stravolgimento antropologico, che direbbe oggi Pasolini, che già vedeva irreversibili mutazioni nel consumismo? Ancora in Svezia è diffusa una rete di asili nido per bambini senza sesso. E a Piacenza, tempo fa, si tenevano nelle scuole corsi non facoltativi di autoerotismo e utero in affitto finanziati dalla Regione, con tanto di manualetti e figurine didascaliche tipo Ikea. Pedagogia totalizzante e minuziosa, che non emerge da correnti di pensiero profonde o spontanee: piuttosto, nella sua calcolata gradualità, si direbbe regolata dall’alto di poche cattedre e lobby. Così vien meno ogni misura o modus in rebus. Significativo che alla cancellazione del limite si accompagni l’eclisse dell’assoluto. Perché è proprio dal limitato e chiuso ermo colle leopardiano che scaturisce la vertigine dell’infinito e dell’eterno.

di Gianluca Caffarena

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

“C’è già troppa frociaggine”, le parole di Papa Francesco e il “no” ai seminaristi omosessuali

27 Maggio 2024
“C’è già troppa frociaggine” nei seminari. Queste le parole che, secondo diverse fonti, avrebbe …

Benigni show, bacia il Papa poi invoca la pace: “La guerra deve finire”

26 Maggio 2024
Show di Roberto Benigni in piazza San Pietro con il Papa per la Giornata mondiale dei bambini tr…

Luis e Flora, storie d’amore d’altri tempi e altro calcio

25 Maggio 2024
Ho scoperto una storia che colpevolmente non conoscevo nei dettagli: quella della meravigliosa f…

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI