app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Corpi con vagine

“Per colpa” del politicamente corretto la più prestigiosa rivista scientifica inglese The Lancet è sotto accusa per non aver utilizzato la parola “donne” ma “corpi con vagine”.

|

Corpi con vagine

“Per colpa” del politicamente corretto la più prestigiosa rivista scientifica inglese The Lancet è sotto accusa per non aver utilizzato la parola “donne” ma “corpi con vagine”.

|

Corpi con vagine

“Per colpa” del politicamente corretto la più prestigiosa rivista scientifica inglese The Lancet è sotto accusa per non aver utilizzato la parola “donne” ma “corpi con vagine”.

|
|

“Per colpa” del politicamente corretto la più prestigiosa rivista scientifica inglese The Lancet è sotto accusa per non aver utilizzato la parola “donne” ma “corpi con vagine”.

Le parole sono importanti. Ancora di più se a pronunciarle è una delle più prestigiose riviste medico-scientifiche inglesi come The Lancet. La polemica sui social ha avuto inizio dopo la pubblicazione, nell’ultimo numero di settembre/ottobre 2021, dell’articolo:“Historically, the anatomy and physiology of bodies with vaginas has been neglected” letteralmente “Storicamente, l’anatomia e la fisiologia dei corpi con le vagine sono state trascurate”. Le intenzioni erano più che buone, ma l’articolo è stato accusato di becero sessismo: era infatti dedicato a una mostra sulla storia e i tabù delle mestruazioni, tenutasi nel mese di settembre al Vagina Museum di Londra. Uniformarsi al “politically correct”, però, è diventata un’arma a doppio taglio: nel tentativo di usare un linguaggio inclusivo si è finito per discriminare proprio chi non si vorrebbe, o forse dovrebbe. Un paradosso. Le critiche sono arrivate via twitter dall’attivista scozzese Susan Dalgtey, dal giornalista del Telegraph e del Daily Mail Calvin Robinson, e dallo psicologo Geoffrey Miller. Anche nel nostro Paese l’articolo non è passato inosservato, con l’indignazione della giornalista e scrittrice Lorella Zanardo nella sua pagina facebook. Il caporedattore della rivista, Richard Horton, è intervenuto sulle pagine del Daily Telegraph per scusarsi con i lettori che, offesi, hanno provveduto numerosi a disiscriversi tempestivamente dal The Lancet: “Chiedo scusa ai lettori che si sono sentiti offesi dalla frase apparsa sulla nostra copertina e nell’articolo. Allo stesso tempo vorrei sottolineare che la salute transgender è una realtà importante dei sistemi sanitari moderni che purtroppo viene trascurata”. The Lancet, di certo non è il primo (e forse neanche l’ultimo) ad aver modificato il linguaggio nel modo più inclusivo possibile.  Alcuni esempi: l’associazione inglese per la ricerca sul cancro, Cancer Research Uk, ha eliminato la parola “donne” dalla campagna per il pap test sostituendola con “ogni persona – con la cervice tra i 25 e i 64 anni”. L’organizzazione no profit Bloody Good Period ha sdoganato il termine “menstruator” sostituendolo proprio alla parola “donne”; l’amministrazione di Brighton e Hoven ha diffuso agli studenti più piccoli il concetto che le mestruazioni non riguardano le donne ma “all genders”. Persino la British Medical Association ha indicato a tutti i suoi membri (160 mila), che lavorano nella sanità privata e negli ospedali del Regno Unito, di non chiamare una donna incinta “futura mamma”, ma “persona incinta”, per non discriminare gli uomini intersex o trans che possono avere gravidanze. L’università di Manchester ha abolito le parole “madre” e “padre” sostituendole con generici plurali “they/them/theirs”; infine, al Brighton and Sussex University Hospitals NHS Trust, le ostetriche hanno sostituito l’espressione “allattamento al seno” con “allattamento al petto”, “latte materno” con “latte umano”, “madre” o “padre” con “genitore che partorisce”.  Una domanda sorge spontanea: in quest’epoca stressata dal politicamente corretto, se al posto di “corpo con vagine” ci fosse stato scritto “donne” la polemica sarebbe insorta ugualmente? E, forse, non tutti i mali vengono per nuocere, questo “errore” ha riportato il movimento femminista e quello Lgbtq+ di nuovo uniti per schierarsi dalla stessa parte. di Claudia Burgio

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Quale futuro per i licei classici

Il liceo classico in Italia sta subendo diverse trasformazioni, molte delle quali verso il digita…

Milano per l’Ucraina al grido di “Slava Ukraini”

Grande partecipazione alla marcia milanese “Vittoria per la pace” nel giorno del secondo annivers…

Scuola e divieti incomprensibili

Divieti smartphone incomprensibili annunciati dal ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe …

Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza, forse

Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI