app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Velo Francia

Difendiamo la libertà dal e del velo

Velo in Francia: per limitarne la diffusione senza fare discriminazioni, si è laicamente risposto con il divieto di esibire simboli religiosi. Ma così facendo, ci si fa un clamoroso autogol.
| ,

Difendiamo la libertà dal e del velo

Velo in Francia: per limitarne la diffusione senza fare discriminazioni, si è laicamente risposto con il divieto di esibire simboli religiosi. Ma così facendo, ci si fa un clamoroso autogol.
| ,

Difendiamo la libertà dal e del velo

Velo in Francia: per limitarne la diffusione senza fare discriminazioni, si è laicamente risposto con il divieto di esibire simboli religiosi. Ma così facendo, ci si fa un clamoroso autogol.
| ,
| ,
Velo in Francia: per limitarne la diffusione senza fare discriminazioni, si è laicamente risposto con il divieto di esibire simboli religiosi. Ma così facendo, ci si fa un clamoroso autogol.
Quando si prova ad affrontare un problema particolare facendo appello a grandi princìpi generali, c’è il rischio di ritrovarcisi poi impiccati. O tanati in contraddizione. Velare, in modo più o meno invadente, i capelli femminili ha una radice antropologica nel timore della seduzione, esibita o subìta, ma non ha una valenza religiosa, nel senso che nessuna delle tre fedi monoteistiche, comunemente misogine, ha un abito obbligatorio. Dal che deriva che il velo sulla testa non è un simbolo islamico, così come quello sulla testa delle suore non è cristiano. Sono due costumi. Fatto è che a far ricomparire quel velo è stato – oggi, da noi – il mondo islamico. Quello delle suore neanche lo vediamo più, tanto lo consideriamo ‘normale’. In Francia si sono chiesti: come si fa a limitarne la diffusione, senza fare discriminazione? E hanno laicamente risposto: proibendo l’esibizione dei simboli religiosi. Autogol.
  • Primo: perché non è un simbolo religioso ma così lo fai diventare un simbolo politico per chi lo usa e per chi lo avversa, il che porta male.
  • Secondo: perché non si vede che male faccia chi esibisce un simbolo, una catenina con attaccato un crocifisso o una stella di David.
  • Terzo: perché o proibisci le suore o fai l’eccezione perché sono suore, così torni alla discriminazione.
Più sana una via che assicura, a un tempo, libertà e sicurezza: ti metti e ti togli quello che ti pare, senza subire costrizioni, con il limite che devi non essere nudo e neanche coperto al punto dal divenire irriconoscibile.   di Gaia Cenol

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

“Sindrome Italia”: ammalarsi aiutando i fragili

20 Maggio 2024
Ogni anno sono più di 200 le badanti ricoverate perché affette dalla “Sindrome Italia” e non è u…

Il governo e i dehors “permanenti”

19 Maggio 2024
Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso pe…

Asia, 14 anni, malata di tumore, viene insultata sul web. Mattarella: “Complimenti per la tua forza”

18 Maggio 2024
La ragazza che vedete suonare il pianoforte nel video si chiama Asia, ha 14 anni, è malata di tu…

Con mammà fino a 34 anni, qualche perché in più

16 Maggio 2024
Numeri impressionanti sulla quota di ragazzi fra i 18 e i 34 anni che in Italia vivono ancora co…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI