app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

I nostri bambini dimenticati e quarantenati

I bambini e gli adolescenti sono le principali vittime di queste regole cervellotiche sulle quarantene. È ora di abbandonare la costante ansia da Covid e ritornare ad una “new normal”.
|

I nostri bambini dimenticati e quarantenati

I bambini e gli adolescenti sono le principali vittime di queste regole cervellotiche sulle quarantene. È ora di abbandonare la costante ansia da Covid e ritornare ad una “new normal”.
|

I nostri bambini dimenticati e quarantenati

I bambini e gli adolescenti sono le principali vittime di queste regole cervellotiche sulle quarantene. È ora di abbandonare la costante ansia da Covid e ritornare ad una “new normal”.
|
|
I bambini e gli adolescenti sono le principali vittime di queste regole cervellotiche sulle quarantene. È ora di abbandonare la costante ansia da Covid e ritornare ad una “new normal”.

Il messaggio nella chat di class che annuncia la febbre o direttamente la positività al covid del proprio figlio è il nuovo incubo delle mamme e papà italiani. Perché tutti sanno che da lì si entra in un tunnel di quarantene, tamponi, incastri lavorativi impossibili, ansia e preoccupazione.

I bambini (e gli adolescenti che stanno stupendo i contraccolpi psicologici peggiori) dall’inizio di questa pandemia sono completamente dimenticati, trascurati, lasciati ai margini di ogni decisione. Ci hanno obbligato a chiuderli in  casa per mesi. Senza neanche la possibilità di portarli al parco, di farli correre, di fare sport.

Per anni ci hanno detto, a ragion veduta, che i bimbi devono stare all’aria aperta, fare il più possibile attività fisica, all’aperto in ogni stagione. Tutto ad un tratto questa regola non valeva più. Sigillati in casa, davanti a quelli che fino a pochi mesi prima erano banditi, additati come oggetti infernali: i tablet.

Quando poi finalmente  abbiamo ricominciato a respirare aria fresca (a Milano non particolarmente pulita, ma purtroppo è così da molto prima della pandemia) i nostri figli si sono ritrovati a essere oggetto di regole astruse e bizantine sulle quarantene. Differenti sulla base delle età e a volte davvero incomprensibili.

Per esempio per i bambini delle elementari se due compagni sono positivi entrano immediatamente in DAD e in quarantena per 10 giorni più tampone al rientro, senza neanche distinzione tra chi è vaccinato o guarito. Se ad essere positivi sono invece contatti extra- scolatistici le regole sono ancora diverse. Per i bimbi dell’asilo anche peggio. Al primo compagno positivo tutti a casa.

E non apro neanche la parentesi sui genitori abbandonati alla ricerca di soluzioni impossibili tra lavoro e dovere di accudimento dei bambini. Qui parlo proprio di loro. I bimbi. Privati di quello che è la base del loro percorso di crescita: la scuola. Una frequenza intermittente, ogni minuto a rischio di essere interrotta. Bambini sani nuovamente barricati in casa. Petizioni, richieste, campanelli di allarme lanciati dalle mamme e da alcuni coscienziosi pediatri cadono costantemente nel vuoto.

C’è bisogno di tornare a un “new normal” dove non si può vivere solo nell’ansia del covid. Quella c’è, credo sia endemica (termine molto in voga in questi giorni) in molti di noi. Ma dobbiamo guardare oltre. Dobbiamo riprendere in mano le nostre vite e soprattutto permettere ai nostri figli di ricominciare le loro. Di essere spensierati e sereni come ogni bambino merita.

A chi decide. “Ascoltateci! Per favore”. Qui stiamo facendo il nostro dovere (vaccino, mascherine, distanze…) ma non si può proprio andare avanti così.

 

 

di Federica Marotti

 

Leggi anche: DISCRIMINATORIO IMPORRE LA QUARANTENA A BIMBI VACCINATI E GUARITI 

Chi continua a lanciare i pallini alla prof

La prof “impallinata” a Rovigo lamenta di essere stata lasciata sola. La responsabilità degli adu…

Come usiamo le opportunità del digitale in Italia?

Statistiche alla mano, l’Italia ha uno sviluppo digital nella media. Almeno, finché non si tratta…

Dalla rapina in casa allo sfogo di Facchinetti contro i politici

Dopo la rapina in casa del padre, Francesco Facchinetti ha fatto un video dove reclama più sicure…

Questione di genere, grammatica e sostanza

Siamo proprio sicuri che la battaglia per il rispetto di genere e di chi non si senta inquadrabil…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl