app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Dehors

Il governo e i dehors “permanenti”

Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso per l’occupazione del suolo pubblico e pagare la relativa tassa

|

Il governo e i dehors “permanenti”

Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso per l’occupazione del suolo pubblico e pagare la relativa tassa

|

Il governo e i dehors “permanenti”

Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso per l’occupazione del suolo pubblico e pagare la relativa tassa

|
|

Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso per l’occupazione del suolo pubblico e pagare la relativa tassa

Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi: chi, fra bar e ristoranti, aveva la possibilità di utilizzare gli spazi antistanti all’esercizio, in modo da servire i clienti all’aperto, doveva poterlo fare. Subito e senza formalità. Attrezzare gli spazi esterni – che sempre quello significa dehor in francese – non è che fosse una novità, lo si era sempre fatto. Soltanto che, per servirsene, occorreva avere un permesso per l’occupazione del suolo pubblico e pagare la relativa tassa.

Superato il Covid nulla avrebbe impedito che il ritorno alla normalità non implicasse la chiusura di tutti quegli spazi, ma un loro rientro nella regolarità. Dare per acquisito il fatto compiuto, supporre che hai diritto a occupare il suolo pubblico soltanto perché lo occupasti in emergenza, è profondamente sbagliato. Si chiama “pubblico” perché è di tutti. Sui marciapiedi si deve poter camminare, per le strade si deve poter passare, ai disabili non bastano gli scivoli per salire sul marciapiede, occorre anche lo spazio fisico per servirsene. Quindi servono regole e limiti, tanto più che a quello servono le amministrazioni locali.

Accodarsi all’esistente significherebbe varare l’ennesima sanatoria che nega l’interesse collettivo e sbeffeggia quanti hanno un’autorizzazione e ne pagano il costo fiscale. Ed è singolare che una tale proposta possa essere ventilata da un governo di destra, da cui ci si aspetterebbe legge e ordine, non accaparramento e disordine.

di Sofia Cifarelli

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Erezioni senza tabù

13 Giugno 2024
Una casa farmaceutica francese ha da poco lanciato sul mercato un gel a uso topico in grado di p…

Papa Francesco (a porte chiuse) torna a parlare di “frociaggine”

11 Giugno 2024
Secondo quanto riferito da fonti presenti all’evento, Papa Francesco è tornato a parlare della q…

Voto europeo e italiani all’estero

07 Giugno 2024
Sarà molto difficile per un italiano all’estero poter esercitare il proprio diritto di voto alle…

Viaggio nell’Asinara abbandonata a sé stessa

01 Giugno 2024
Un fazzoletto di terra chiamata Asinara: da luogo simbolo di un’altra Italia a sito abbandonato …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI