app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il troppo lungo tavolo del troppo corto zar

Cos’è successo a Vladimir Putin? Già prima dell’attacco armato gli analisti internazionali parlavano di un uomo incupito, con momenti di scollamento dalla realtà, indurito nei rapporti interpersonali.
| ,

Il troppo lungo tavolo del troppo corto zar

Cos’è successo a Vladimir Putin? Già prima dell’attacco armato gli analisti internazionali parlavano di un uomo incupito, con momenti di scollamento dalla realtà, indurito nei rapporti interpersonali.
| ,

Il troppo lungo tavolo del troppo corto zar

Cos’è successo a Vladimir Putin? Già prima dell’attacco armato gli analisti internazionali parlavano di un uomo incupito, con momenti di scollamento dalla realtà, indurito nei rapporti interpersonali.
| ,
| ,
Cos’è successo a Vladimir Putin? Già prima dell’attacco armato gli analisti internazionali parlavano di un uomo incupito, con momenti di scollamento dalla realtà, indurito nei rapporti interpersonali.

Qual è la linea che separa la psicopatologia dalla fisiologia e quanto è spessa? Questa dovrebbe essere la domanda da porci in questi giorni, mentre il mondo sta scivolando in una guerra che solo un mese fa avremmo ritenuto impensabile. Cosa è successo a Vladimir Putin, l’uomo che si è seduto al tavolo del G7 facendolo diventare G8, quello del ‘lettone’, quello che ha permesso la fortuna economica di tanti uomini russi che ormai in Russia non vivono più da anni?

Un’idea ce la dovrebbe aver data la famosa immagine che lo ritrae seduto a un tavolo politico con Macron, un tavolo lungo sei metri. Un uomo isolato – fisicamente e politicamente – per sua scelta, progressivamente sempre più lontano dal resto del mondo, che con la pandemia ha imposto una quarantena di quindici giorni a chiunque volesse incontrarlo, che da mesi non frequenta più nessuno se non le sue guardie del corpo. Già prima dell’attacco armato gli analisti internazionali parlavano di un Putin incupito, con momenti di scollamento dalla realtà, indurito nei rapporti interpersonali. Il delirio di onnipotenza di un uomo con il suo potere potrebbe anche apparire fisiologico ma se lo aggiungiamo ai comportamenti paranoidi, all’impulsività e a quel tavolo lungo in modo surreale, il profilo di personalità che si delinea non è dei più rassicuranti. I manuali di psichiatria ci insegnano che un paranoico che si senta braccato compie spesso scelte irrazionali. E, nel caso specifico, le conseguenze della scelta irrazionale non lascerebbero scampo.

di Maruska Albertazzi 

Storia del juke-box, da divertimento a oggetto di culto

Oggi è difficile che si veda in giro ma forse, da qualche parte, ci sarà sempre un juke-box che s…

Contraddizioni di un’epoca fluida

Non bastano le panchine rosse. Occorrono azioni concrete, meno esperti in tv, migliori capacità i…

Amare è rispettare

Amare è rispettare. Giornata internazionale contro la violenza sulla donna.

“Ho trasformato l’odio in una missione”, parla Valentina Pitzalis

Sono passati 12 anni da quella notte del 17 aprile 2011 in cui la vita di Valentina Pitzalis venn…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI