app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Milano-NY e la bellezza del mercato

Uno dei vizi più diffusi nel nostro Paese è il ”lamentismo”, una propensione costante alla polemica. Inutile prendersela anche con il capitalismo se, con le sue regole, funziona.
|

Milano-NY e la bellezza del mercato

Uno dei vizi più diffusi nel nostro Paese è il ”lamentismo”, una propensione costante alla polemica. Inutile prendersela anche con il capitalismo se, con le sue regole, funziona.
|

Milano-NY e la bellezza del mercato

Uno dei vizi più diffusi nel nostro Paese è il ”lamentismo”, una propensione costante alla polemica. Inutile prendersela anche con il capitalismo se, con le sue regole, funziona.
|
|
Uno dei vizi più diffusi nel nostro Paese è il ”lamentismo”, una propensione costante alla polemica. Inutile prendersela anche con il capitalismo se, con le sue regole, funziona.
Il prezzo non è mai giusto. Uno dei vizi più diffusi nel nostro Paese è il lamentismo (passateci questo storpio neologismo) ovvero un approccio per cui le cose non vanno mai bene. Prendiamo il costo dei biglietti aerei e una tratta importante come la Milano-New York. In business class, in un periodo di forte calo dei passeggeri per via della pandemia che ha blindato le persone a casa propria (o quasi), accade che si possa volare – su quella tratta – al prezzo di 1.500 euro, andata/ritorno e tasse incluse. Perché lamentarsi? D’accordo, tutti noi – a cominciare da chi scrive – non vediamo l’ora che finiscano limiti e restrizioni varie, ma il mercato resta il mercato. E la legge della domanda e dell’offerta, grazie al capitalismo, è ancora tra noi. Il suo funzionamento è semplice: se la richiesta dei biglietti è molto alta, i prezzi aumentano. Se è bassa, calano. Ciò è possibile in un mercato dove funzioni la concorrenza per la prestazione dei servizi e di tutto il resto. In questa circostanza, la concorrenza tra compagnie aeree. Grazie alla deregulation, infatti, è diventato possibile ciò che in altri tempi non lo sarebbe stato. I prezzi dei biglietti più bassi significano infatti la possibilità di viaggiare, anche su tratte un tempo costosissime e quindi proibitive, per persone non ricche o benestanti. Capiamo che dibattere, in una società che vive ormai di talk quotidiani, sia una tentazione irresistibile. Ma quando il capitalismo, con le sue regole, funziona, non rompiamogli le scatole. Please.   di Aldo Smilzo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il canto della cicala, colonna sonora dell’estate

22 Luglio 2024
Molto semplice: la cicala vuole fare sesso, da mattina a sera. Ecco perché sfrigola parti del pr…

Il grande complotto inesistente

20 Luglio 2024
Nei soli Stati Uniti, circa il 7% dei cittadini crede che l’allunaggio non sia mai avvenuto. La …

Marea europea dell’antisemitismo

19 Luglio 2024
Europa: è allarme antisemitismo. Secondo l’Agenzia europea per i diritti fondamentali, il 76% de…

Calabria, il grido di dolore di chi ama gli animali

18 Luglio 2024
Pubblichiamo la testimonianza dolorosa di una volontaria che si occupa in Calabria di animali ra…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI