app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Segre Ferragni

Segre-Ferragni, ecco perché è una grande idea

Liliana Segre, invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano, ha mostrato ancora una volta la sua volontà di arrivare ai nostri figli. Perché la memoria è una pianta fragile da annaffiare ogni giorno.
|

Segre-Ferragni, ecco perché è una grande idea

Liliana Segre, invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano, ha mostrato ancora una volta la sua volontà di arrivare ai nostri figli. Perché la memoria è una pianta fragile da annaffiare ogni giorno.
|

Segre-Ferragni, ecco perché è una grande idea

Liliana Segre, invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano, ha mostrato ancora una volta la sua volontà di arrivare ai nostri figli. Perché la memoria è una pianta fragile da annaffiare ogni giorno.
|
|
Liliana Segre, invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano, ha mostrato ancora una volta la sua volontà di arrivare ai nostri figli. Perché la memoria è una pianta fragile da annaffiare ogni giorno.
Ancora una volta la senatrice a vita Liliana Segre ha mostrato una sensibilità, un’intelligenza e una modestia stupefacenti. Soprattutto un’apertura mentale che molte donne e molti uomini ben più giovani di lei continuano a non raggiungere. Invitando Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah di Milano (“trascorrendo molto tempo con i miei nipoti ho capito che il mondo è cambiato. E siccome oltre che intelligente e con 27 milioni di follower, Chiara Ferragni si è già impegnata con il marito Fedez in iniziative civili e sociali, ho pensato fosse la persona giusta da coinvolgere per far conoscere il Memoriale a quante più persone possibile, soprattutto giovani”), ha mostrato nuovamente – pur essendosi formalmente ritirata dalla sua instancabile attività di testimone dell’impensabile e dell’indicibile – l’insopprimibile forza e volontà di arrivare ai nostri figli. Una missione nella missione. La senatrice a vita è dolorosamente consapevole di quanto la memoria sia una pianta fragile, da innaffiare ogni giorno, esposta alle intemperie di un’ignoranza dei fatti – anche i più clamorosi – che apre la strada alle teorie più ributtanti. Alle negazioni più inconcepibili. Segre-Ferragni può sembrare una strana coppia ed è invece una forma di dialogo fra generazioni. L’ennesima idea, l’infinito contributo di una donna davanti alla quale ci si alza in piedi, si fa silenzio e si ascolta. Una donna, una combattente della verità che ci ricorda ogni giorno quanto i nemici della memoria siano ovunque e non ci sia nulla di più stupido e inconcludente che alzare sopracciglia, parlare per iniziati, chiudersi in torri d’avorio per intellettualoidi, mentre il mondo va avanti e i nostri figli restano esposti alle forme di propaganda più becere e pericolose. Ha fatto benissimo Liliana Segre a lanciare il suo appello a Chiara Ferragni, con quei consueti toni ragionevoli, pacati eppure fermi. Bastano poche parole, quando si sa cosa ottenere, quando si sa cosa dire. di Fulvio Giuliani 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il canto della cicala, colonna sonora dell’estate

22 Luglio 2024
Molto semplice: la cicala vuole fare sesso, da mattina a sera. Ecco perché sfrigola parti del pr…

Il grande complotto inesistente

20 Luglio 2024
Nei soli Stati Uniti, circa il 7% dei cittadini crede che l’allunaggio non sia mai avvenuto. La …

Marea europea dell’antisemitismo

19 Luglio 2024
Europa: è allarme antisemitismo. Secondo l’Agenzia europea per i diritti fondamentali, il 76% de…

Calabria, il grido di dolore di chi ama gli animali

18 Luglio 2024
Pubblichiamo la testimonianza dolorosa di una volontaria che si occupa in Calabria di animali ra…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI