app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Spot sulla sicurezza stradale

Spot sulla sicurezza stradale… senza cinture

Polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che promuovono la sicurezza stradale. In quasi tutte le scene i protagonisti sono senza cintura
|

Spot sulla sicurezza stradale… senza cinture

Polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che promuovono la sicurezza stradale. In quasi tutte le scene i protagonisti sono senza cintura
|

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Ragione (@laragione.eu)

Spot sulla sicurezza stradale… senza cinture

Polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che promuovono la sicurezza stradale. In quasi tutte le scene i protagonisti sono senza cintura
|
|
Polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che promuovono la sicurezza stradale. In quasi tutte le scene i protagonisti sono senza cintura
Spot sulla sicurezza stradale… senza cinture. Grandi polemiche sui nuovi spot del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) che promuovono la sicurezza stradale. All’interno dei video vengono messi in risalto comportamenti pericolosi che possono portare ad avere (anche gravi) incidenti stradali: l’uso di droghe, la distrazione per i cellulari e l’alta velocità. Iniziativa lodevole, ovviamente. C’è però un particolare che non è piaciuto: in quasi tutte le scene i protagonisti – anche quando hanno comportamenti corretti – in macchina sono senza cintura. In una scena, per esempio, si vedono quattro ragazze a bordo di un’automobile. A metà spot, il video si interrompe e lo schermo si divide in due parti che mostrano contemporaneamente due possibili scenari: da una parte la guidatrice, che non si vuole distrarre, invita – responsabilmente – l’amica a mettere via lo smartphone; dall’altra invece le amiche si distraggono per guardare il cellulare e si schiantano poco dopo. In entrambi i casi, la guidatrice non ha la cintura. Dopo le polemiche, il regista Daniele Falleri si dice molto dispiaciuto: “Rammaricano le polemiche sugli spot riguardo la sicurezza stradale, che sono stati realizzati unicamente con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani su alcuni comportamenti della vita di tutti i giorni, senza edulcorazioni. L’intento di questi filmati è e rimane educativo, apporteremo quindi alcune modifiche affinché gli spettatori non vengano distolti dall’unico obiettivo che ci sta veramente a cuore: sensibilizzare tutti a contribuire, ognuno nel suo piccolo, a salvare vite umane”. Gli spot – il ministero delle Infrastrutture e Trasporti specifica che i filmati non sono ancora andati in onda sulla tv pubblica né è stata definita la loro effettiva programmazione – verranno quindi modificati. di Filippo Messina

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Cassazione e autovelox fuorilegge

23 Aprile 2024
Una sentenza esemplare della Corte di Cassazione comporterà effetti immediati su tutti gli autov…

La Ragione e Albatros al Fuorisalone di Milano

19 Aprile 2024
Si è tenuto oggi, nell’oasi di Piazza San Marco (in Brera) a Milano, il secondo appuntamento de …

L’intervista video agli studenti in sciopero della fame dell’Università La Sapienza di Roma

18 Aprile 2024
Continuano le proteste all’Università La Sapienza di Roma: le dichiarazioni dei due studenti, Fr…

“Napoli sarà sepolta sotto 30 metri di cenere”: l’allarme della tv svizzera

17 Aprile 2024
Il canale tv svizzero Rsi ha pubblicato un reportage in cui lo scenario per la città di Napoli s…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI