app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Meditare sulla meditazione

Secondo uno studio di YouGov del 2020, un italiano su cinque medita. Più della metà di queste persone ha iniziato durante il primo lockdown, e un terzo di loro ha cominciato grazie a una app sullo smartphone

|

Secondo uno studio di YouGov del 2020, un italiano su cinque medita. Più della metà di queste persone si è avvicinata alla pratica meditativa durante il primo lockdown e, visti gli effetti positivi, ha deciso di continuare. Un terzo di loro ha cominciato a meditare grazie a una app sullo smartphone.

Quando si parla di meditazione è facile fare di tutte le menti un fascio ma mentre è ormai assodato che tutte le pratiche apportano benefici, è importante ricordare che ci sono diverse tipologie di meditazione, che sono molto diverse tra loro e che agiscono in modo differente sul nostro cervello. Quella in assoluto più studiata dal punto di vista scientifico – più di 700 ricerche nel mondo effettuate da istituti indipendenti – è la meditazione trascendentale. La più studiata ma non la più popolare, viste le peculiarità attraverso cui viene insegnata e tramandata. Inventata nel 1955 in India da Maharishi Manesh Yogi, un fisico e mistico indiano che voleva ideare una pratica accessibile a tutti e non più solo ai sacerdoti, la meditazione trascendentale diventò molto popolare negli anni Sessanta grazie ai Beatles che ne rimasero affascinati ed è tornata alla ribalta grazie a David Lynch che ne è un grande estimatore.

A differenza di altre tipologie meditative – come la più popolare mindfulness (che si basa sul monitoraggio aperto del pensiero o sull’attenzione focalizzata) oppure la meditazione zen (che implica un grande sforzo di concentrazione) – quella trascendentale si pratica senza fatica, consentendo alla mente e al corpo di acquietarsi in una condizione di profondo riposo. Si tratta di una tecnica facilmente appresa anche dai bambini, che non comporta alcun cambiamento di vita o adesione a una particolare filosofia o religione ma soltanto una pratica costante per venti minuti due volte al giorno. I suoi benefici sono diversi e vanno da quelli più psicologici – con diminuzione dei sintomi ansiosi o depressivi – a quelli più fisiologici, come l’effetto protettivo da attacchi di cure, ictus o decessi.

La meditazione trascendentale non si può però apprendere da una app, da un libro o durante un corso di gruppo. Si tratta di una tecnica acquisita individualmente solo da insegnanti qualificati, che si diffonde grazie al passaparola e ha un costo piuttosto elevato se paragonato a quello della vipassana o della mindfulness proprio perché passa attraverso un insegnamento personalizzato. Chi pratica tanto la mindfulness quanto la meditazione trascendentale riferisce che mentre la prima è una sorta di allenamento cerebrale allo stare nel momento, la seconda è un po’ come “mandare in vacanza” il cervello. Una ha effetti immediati sulla consapevolezza, l’altra permette di arrivare a calmare la mente attraverso la “trascendenza”.

Come per qualsiasi altra disciplina, vale insomma la pena di informarsi bene e – valutati costi e benefici – scegliere quella che si avverte più vicina al proprio sentire.

 

Di Maruska Albertazzi

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl