app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Fiaso, ‘preoccupa impatto influenza su ospedali, calano ricoveri Covid’

Gennaio 4, 2024

Roma, 4 gen. (Adnkronos Salute) – Continua il calo dei ricoveri Covid negli ospedali italiani, con una riduzione del 16% nell’ultima settimana del 2023, ma preoccupano i virus influenzali che stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali. E’ il quadro tracciato dalla rilevazione degli ospedali sentinella aderenti alla Federazione italiana Aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso).

“Il Covid in questa fase sta lasciando il posto all’influenza – spiega presidente della Fiaso, Giovanni Migliore -. Osservando anche i dati della rete RespiVirNet si vede chiaramente come alla maggiore circolazione dell’influenza in queste settimane corrisponda una progressiva riduzione del Covid. I virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore, soprattutto sulla popolazione di anziani e fragili che per affrontare le conseguenze di scompensi respiratori affolla i Pronto soccorso in attesa di ricovero”.

Nel dettaglio, la rete degli ospedali sentinella Fiaso rileva una riduzione dei ricoveri ‘Covid nei reparti ordinari: -7% i quelli di Medicina o di Malattie infettive ‘per Covid’ ovvero pazienti con sindromi respiratorie e polmonari. Nel 90% dei casi si tratta di soggetti già affetti da altre patologie. Più netto il calo dei pazienti ricoverati ‘con Covid’: -22,5% tra coloro che sono in ospedale per altre cause ma al momento del ricovero risultano positivi. Questa categoria di pazienti rappresenta il 70% dei ricoveri Covid in ordinario. L’età media è di 77 anni.

I numeri restano bassi nelle terapie intensive – si legge nel report Fiaso – anche se si registra un sensibile incremento dovuto alle ricadute a lungo termine dell’andamento dei contagi tra la popolazione delle ultime settimane. I pazienti hanno un’età media di 68 anni e nel 93% dei casi sono già affetti da altre patologie. Ancora stabile la situazione negli ospedali pediatrici, con una netta prevalenza dei bambini ricoverati ‘per Covid’ ovvero con sindromi respiratorie riconducibili all’infezione da Sars Cov-2, che ha portato un bambino in terapia intensiva. I ricoveri continuano a concentrarsi nel 90% dei casi nella fascia di età 0-4 anni.

“Va inoltre considerato – aggiunge Migliore – che anche se il 70% dei ricoveri in ordinario è rappresentata da pazienti positivi al Covid che non hanno una infezione respiratoria grave, questi pazienti devono comunque essere isolati dagli altri per evitare che altri soggetti fragili si infettino. Questa situazione contribuisce a complicare la gestione ospedaliera, in questo periodo in cui a causa dell’influenza aumenta la richiesta di posti letto”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Istat, servizi pubblica utilità sempre meno utilizzati negli ultimi 20 anni

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Negli ultimi 20 anni i servizi di pubblica utilità – quali i s…

Chi sostituirà Palù all’Aifa? Tra identikit e rumor ecco i papabili

Milano, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Chi sostituirà Giorgio Palù alla presidenza dell’Aifa? Nel m…

Primavera addio, da faringiti a dolori articolari 8 consigli per difendersi

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Torna il freddo sull’Italia dopo le temperature miti delle set…

Medicina: è morto Roger Guillemin, Nobel per la scoperta di ormoni del cervello

New York, 23 feb. (Adnkronos Salute) – Il medico, endocrinologo e neuroscienziato francese natura…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI