app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Canarie turismo

Canarie, migliaia di persone protestano contro il turismo di massa

“Le Canarie hanno un limite”, “Le Canarie non si vendono”. Sono migliaia le persone che alle Canarie hanno manifestato per dire “no al turismo di massa” (overtourism)

|

Canarie, migliaia di persone protestano contro il turismo di massa

“Le Canarie hanno un limite”, “Le Canarie non si vendono”. Sono migliaia le persone che alle Canarie hanno manifestato per dire “no al turismo di massa” (overtourism)

|

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Ragione (@laragione.eu)

Canarie, migliaia di persone protestano contro il turismo di massa

“Le Canarie hanno un limite”, “Le Canarie non si vendono”. Sono migliaia le persone che alle Canarie hanno manifestato per dire “no al turismo di massa” (overtourism)

|
|

“Le Canarie hanno un limite”, “Le Canarie non si vendono”. Sono migliaia le persone che alle Canarie hanno manifestato per dire “no al turismo di massa” (overtourism)

“Le Canarie hanno un limite”, “Le Canarie non si vendono”. Sono migliaia – 60.000 in totale nelle otto isole dell’arcipelago, secondo le autorità locali – le persone che alle Canarie hanno manifestato per dire “no al turismo di massa” (overtourism). Misure immediate, ecotasse per i turisti, meno sfruttamento dell’ambiente, “meno cemento”, una moratoria turistica e leggi che consentano l’accesso preferenziale a residenti e lavoratori per le abitazioni sulle isole: queste le principali richieste dei cittadini che da tempo protestano, insieme a molte associazioni ambientaliste, ecologiste e sociali – organizzatrici di diverse manifestazioni – contro un turismo definito “selvaggio, insostenibile, a beneficio di pochi, che manda via i residenti e rende difficile la convivenza”. Problemi che spingono i residenti sulla strada della “turismofobia”, così la potremmo definire.

Il settore turistico, lo sappiamo, è importantissimo per l’economia di un Paese, in particolare per luoghi come le Canarie. Proprio per tale motivo i residenti chiedono però che ci siano un drastico cambio di rotta e misure che rendano il turismo più controllato e “vivibile”.

Alle proteste hanno aderito anche altre città spagnole ed europee come Madrid, Barcellona, Malaga, Granada, Londra, Berlino e Amsterdam.

di Filippo Messina

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Chi è e cosa vuole Geert Wilders

26 Maggio 2024
L’Olanda, a sette mesi dalle elezioni, sembra pronta al governo del sovranista Geert Wilders che…

I missili di Putin e i missili dell’Occidente

26 Maggio 2024
Quegli stessi missili, su cui le democrazie liberali come è giusto e sacrosanto dibattono, Putin…

L’Unione europea al valico di Rafah

25 Maggio 2024
La Casa Bianca vuole che sia l’Unione europea a prendere il controllo della frontiera tra l’Egit…

Tajani: “L’Italia riparte con i finanziamenti all’Unrwa”

25 Maggio 2024
Meloni: “Sostegno italiano a tutti gli sforzi in atto per un cessate il fuoco sostenibile”

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI