app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Lviv 50 giorni dopo i bombardamenti russi

Lviv: 50 giorni dopo i bombardamenti russi

Siamo tornati nella città colpita da uno dei più brutali bombardamenti russi contro le infrastrutture civili ucraine. Qui nessuno vuole essere chiamato “eroe”
|

Lviv: 50 giorni dopo i bombardamenti russi

Siamo tornati nella città colpita da uno dei più brutali bombardamenti russi contro le infrastrutture civili ucraine. Qui nessuno vuole essere chiamato “eroe”
|

Lviv: 50 giorni dopo i bombardamenti russi

Siamo tornati nella città colpita da uno dei più brutali bombardamenti russi contro le infrastrutture civili ucraine. Qui nessuno vuole essere chiamato “eroe”
|
|
Siamo tornati nella città colpita da uno dei più brutali bombardamenti russi contro le infrastrutture civili ucraine. Qui nessuno vuole essere chiamato “eroe”
Lviv – 50 giorni dopo uno dei più brutali bombardamenti russi contro le infrastrutture civili ucraine, siamo tornati nella città più occidentale ed architettonicamente europea di tutto il Paese. Era il 6 luglio quando 3 dei 10 missili Kalibr partiti dalla portaerei russa sul Mar Nero sfuggivano alla contraerea ucraina, andando ad impattare all’una del mattino contro un centro residenziale gremito di civili, danneggiando gravemente una decina d’ostelli, la Casa del bambino, due scuole e un asilo. Il bilancio fu drammatico: più di 250 abitazioni colpite e una quarantina di vittime. Le riprese mostrano inequivocabilmente che nel mirino dei criminali russi non c’era alcun obiettivo militare: l’architettura occidentale delle costruzioni sventrate dai missili evidenzia inoltre quanto la Federazione Russa stia attaccando obiettivi e valori europei. Poco distante da quei luoghi, all’interno di una delle strutture ospedaliere più grandi e moderne della città, si trova il centro clinico Unbroken. Autentica eccellenza mondiale nell’ambito della riabilitazione, la struttura accoglie il meglio delle competenze e delle attrezzature specifiche per il recupero funzionale di persone che hanno subito gravi traumi. Tutti sono Unbroken, in ucraino Незламні, cioè indistruttibili. Nonostante le gravi ferite riportate, nessuno qui accetta d’esser chiamato ‘eroe’: «è un eroe chi ha dato la vita per noi. Se siamo qui, significa che abbiamo ancora molto da dare». Clicca qui per leggere l’articolo completo “Indistruttibili non eroi” di Giorgio Provinciali, disponibile anche sull’app La Ragione. Ascolta qui il podcast “Il ricatto di Putin” de La Ragione, disponibile su tutte le piattaforme streaming.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Ucraina: l’inconcepibile silenzio dell’Occidente sulle batterie Patriot

10 Aprile 2024
Oggi l’Ucraina è costretta a elemosinare una protezione di cui non avrebbe mai avuto bisogno. Ne…

Terra Ucraina

29 Marzo 2024
I nostri inviati Giorgio Provinciali e Alla Perdei ci mostrano il confine tra il mondo civile e …

Pioggia di bombe su tutta l’Ucraina

25 Marzo 2024
Il più violento bombardamento russo a Zaporizhzhia contro le infrastrutture energetiche ucraine:…

Sia la Russia a cessare il fuoco

21 Marzo 2024
Emerge la necessità d’intraprendere ulteriori e più stringenti misure economiche contro la Russia

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI