app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Galeotto fu il party di compleanno

Complice la guerra scatenata da Putin, forse Boris Johnson si era illuso di aver scavalcato il ‘partygate’ ma non è stato affatto così. Il premier britannico è il primo nella storia ad essere multato in questo modo mentre ancora in carica.

| ,

Complice la guerra scatenata da Vladimir Putin in Ucraina, forse Boris Johnson si era illuso di aver scavalcato ilpartygate’, l’uragano di polemiche seguito alla serie di rivelazioni sulle feste che si sarebbero tenute al Numero 10 di Downing Street nella tarda primavera del 2020, quando il Regno Unito era in pieno lockdown.

Dopo aver inizialmente negato e poi cercato di minimizzare, ieri il premier è stato raggiunto dalla notifica di una multa consegnatagli dalla polizia proprio per aver partecipato a delle riunioni illegali – a norma delle restrizioni imposte dal suo stesso governo – nel giugno del 2020. Con Johnson sono stati multati anche la moglie Carrie, il Cancelliere dello scacchiere (ministro delle Finanze) Rishi Sunak e altre 50 persone. Più o meno coloro che avrebbero preso parte alle feste, anche se Boris Johnson ha sempre negato che si potesse parlare di party.

Non è chiaro per quale di queste il premier sia stato multato, forse proprio per quella tenutasi in occasione del suo compleanno il 20 giugno del 2020. Un bel problema per il primo ministro, che ha ridato fiato all’opposizione laburista. Il leader Keir Starmer non vuole farsi scappare l’occasione: «Boris Johnson e Rishi Sunak – ha scritto a stretto giro su Twitter – hanno violato la legge e mentito ripetutamente al Paese. Devono dimettersi». Ipotesi lontana ma meno fantascientifica di quanto si possa credere, considerato che Boris Johnson è il primo premier britannico della storia multato in questo modo mentre era in carica.

 

di Marco Sallustro

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl