app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La Corte Suprema mette nei guai Netanyahu

La Corte Suprema ha posto fine alla storica esenzione alla leva dei giovani ultra ortodossi e il già fragile esecutivo Netanyahu trema

|

La Corte Suprema mette nei guai Netanyahu

La Corte Suprema ha posto fine alla storica esenzione alla leva dei giovani ultra ortodossi e il già fragile esecutivo Netanyahu trema

|

La Corte Suprema mette nei guai Netanyahu

La Corte Suprema ha posto fine alla storica esenzione alla leva dei giovani ultra ortodossi e il già fragile esecutivo Netanyahu trema

|
|

La Corte Suprema ha posto fine alla storica esenzione alla leva dei giovani ultra ortodossi e il già fragile esecutivo Netanyahu trema

Il religioso silenzio delle scuole religiose ebraiche israeliane è stato infranto da grida di protesta. Il timore di migliaia di studenti ultra-ortodossi rischia ora di far collassare il già fragile governo di Benjamin Netanyahu. La decisione della Corte Suprema di porre fine alla storica esenzione dalla leva dei giovani ultra-ortodossi ha fatto moltissimo rumore. Dopo mesi di rinvii, con un voto all’unanimità, il massimo organo giudiziario ha ordinato all’esecutivo di arruolare anche di quei giovani, fino ad ora rimasti in pace.

Immediato lo sdegno dei leader della destra estrema, messianica e ultra-conservatrice. Itamar Ben Gvir e Bezalel Smotrich, sin dall’inizio della guerra contro Hamas, hanno sostenuto le istanze dei giovani ultra-ortodossi e delle loro famiglie. Intendiamoci, il loro non è stato un moto di compassione, ma un mero calcolo elettorale. L’esercito israeliano, dove tutti i 18enni devono confluire per servire il Paese, è da sempre un crogiolo di culture e sensibilità molto diverse. Arruolare un giovane cresciuto in un ambiente iper-religioso significa esporlo a tendenze progressiste, che possono riflettersi in un mutamento anche radicale della mentalità e del voto. Dall’ultra-destra a movimenti più moderati.

I leader messianici si dicono «delusi» dalla decisione della Corte. In realtà c’è poco da essere delusi: l’esenzione dalla leva era basata su una legge scaduta nel 2023. Finora il governo Netanyahu, su pressione proprio dei leader della destra, aveva prorogato in maniera forzata gli effetti di quella norma. Ora i giudici hanno stabilito che, in assenza di un nuovo provvedimento, qualunque estensione della vecchia legge è illegittimo e non ha dunque effetto. D’altronde, come si legge nella sentenza, «al culmine di una guerra difficile, il peso della disuguaglianza è più che mai acuito». Tra le righe si legge la paura di un sempre più probabile allargamento del conflitto al Libano meridionale, dove lo scontro con Hezbollah si fa sempre più duro e violento.

Di fronte a questo atto il già fragile esecutivo Netanyahu trema. Dopo aver perso i moderati di Benny Gantz, critici sulla condotta delle operazioni a Gaza, ora anche gli ultra conservatori potrebbero optare per lo strappo. Troppo identitaria, per loro, l’esenzione dalla leva. Accettarla e restare al governo sarebbe un suicidio politico. D’altra parte, senza i messianici, Netanyahu crollerebbe e Israele dovrebbe tornare alle urne (il vincitore dovrebbe essere proprio Gantz, con la sua linea più diplomatica e aperta a una tregua nel conflitto).

L’unica via d’uscita sembra seguire l’indicazione della Corte Suprema: approvare una nuova legge che, in questo momento, è in discussione in Parlamento. Ben Gvir e Smotrich scalpitano e attendono. Se si riuscirà ad approvare la norma, lo strappo sarà evitabile. In caso contrario, le proteste della destra si trasformerebbero in bibliche trombe, pronte a far cadere, al posto delle mura di Gerico, il governo Netanyahu.

di Umberto Cascone

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Mosca: autobomba esplode in un parcheggio, due feriti

24 Luglio 2024
L’uomo vittima dell’esplosione sembrerebbe Andrej Torgashov, funzionario militare della Federazi…

Primo comizio della Harris: “Unirò i dem e vinceremo”

23 Luglio 2024
Kamala Harris esordisce a Milwaukee. Il primo sondaggio Reuters- Ipsos la dà avanti di due punti…

Le possibili alternative a Kamala Harris

23 Luglio 2024
Dopo il ritiro di Joe Biden, chi potrebbero essere i candidati alternativi a Kamala Harris? Ecco…

D&D. Donne e democratiche

23 Luglio 2024
È un movimento senza nome. Meglio. Ha più cognomi (pesanti) e un obiettivo (ancora più pesante):…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI