app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Arianna Fontana e lo sport azzurro al femminile

L’infinito filo d’Arianna Fontana

Arianna Fontana è l’italiana più medagliata di sempre alle Olimpiadi. La sua impresa segna la supremazia dello sport azzurro al femminile e l’Italia che ambisce alla parità farebbe bene a guardare tutto questo con grande attenzione.
| ,

L’infinito filo d’Arianna Fontana

Arianna Fontana è l’italiana più medagliata di sempre alle Olimpiadi. La sua impresa segna la supremazia dello sport azzurro al femminile e l’Italia che ambisce alla parità farebbe bene a guardare tutto questo con grande attenzione.
| ,

L’infinito filo d’Arianna Fontana

Arianna Fontana è l’italiana più medagliata di sempre alle Olimpiadi. La sua impresa segna la supremazia dello sport azzurro al femminile e l’Italia che ambisce alla parità farebbe bene a guardare tutto questo con grande attenzione.
| ,
| ,
Arianna Fontana è l’italiana più medagliata di sempre alle Olimpiadi. La sua impresa segna la supremazia dello sport azzurro al femminile e l’Italia che ambisce alla parità farebbe bene a guardare tutto questo con grande attenzione.
Arianna Fontana, la regina dello short track, con l’argento di ieri è litaliana più medagliata di sempre alle Olimpiadi. Undici podi in cinque diverse edizioni, con due ori, quattro argenti e cinque bronzi. Solo scriverlo dà i brividi. Conoscemmo Arianna neppure sedicenne a Torino 2006, come dire un mondo fa.
Ieri, nel 1.500, grande prova di classe, lucidità e consapevolezza. Ha così staccato fondista Stefania Belmondo (10 podi) e insegue solo la leggenda della scherma Edoardo Mangiarotti e le sue 13 medaglie.
Fontana è il tipo di fenomeno che nasce ogni trent’anni ed è umanamente impossibile chiederle di più. Sta al movimento saper sfruttare il suo esempio, per mettere sui pattini ragazzine e ragazzini e ascoltare le sue critiche, anche se dure. I fatti parlano per lei.
Milano-Cortina 2026 è dietro l’angolo. Pechino, che già oggi è la seconda Olimpiade invernale di sempre quanto a bottino dell’Italia dopo Lillehammer 1994, segna intanto la definitiva supremazia dello sport azzurro al femminile. Delle 15 medaglie, sette sono arrivate dalle donne, tre da gare miste e cinque dagli uomini.
Se consideriamo il peso specifico delle medaglie di Fontana, Goggia e Brignone, non c’è gara. Sia detto con rispetto, perché ogni podio olimpico è un’impresa: in questo momento i ragazzi sono dietro. Senza letture sociologiche, è un fatto che i nostri fuoriclasse delle Olimpiadi invernali siano donne, sull’onda dei Giochi estivi di Tokyo.
Un Paese che ama soprattutto parlare di parità farebbe bene a guardare con attenzione ciò che sta accadendo nello sport.
  di Diego De La Vega

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Chi è Anna Kalinskaya, la nuova fidanzata di Sinner

27 Maggio 2024
“Sì, sto con Anna Kalinskaya”. Jannik Sinner è di poche parole – e questa non è certo una novità…

Roland Garros, Eubanks ko in 3 set e Sinner avanza al 2° turno

27 Maggio 2024
Esordio vincente per Jannik Sinner al Roland Garros, seconda prova stagionale del Grande Slam, s…

La bella domenica italiana

27 Maggio 2024
Il trionfo di Charles Leclerc e della Ferrari a Montecarlo, la Ducati in MotoGP con Pecco Bagnan…

Charles trionfa a casa sua. Montecarlo è Rossa!

26 Maggio 2024
Charles Leclerc ha vinto da predestinato. Si è piazzato in testa dal primo giro, ha centrato la …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI