app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Come Kate ha superato l’algida Nicole

Superstar a confronto. Kate Winslet in “Omicidio a East town” è anni luce lontano dall’algida Nicole Kidman, protagonista dell’altra miniserie di successo di Sky “The Undoing”.
|

Come Kate ha superato l’algida Nicole

Superstar a confronto. Kate Winslet in “Omicidio a East town” è anni luce lontano dall’algida Nicole Kidman, protagonista dell’altra miniserie di successo di Sky “The Undoing”.
|

Come Kate ha superato l’algida Nicole

Superstar a confronto. Kate Winslet in “Omicidio a East town” è anni luce lontano dall’algida Nicole Kidman, protagonista dell’altra miniserie di successo di Sky “The Undoing”.
|
|
Superstar a confronto. Kate Winslet in “Omicidio a East town” è anni luce lontano dall’algida Nicole Kidman, protagonista dell’altra miniserie di successo di Sky “The Undoing”.
In attesa che il cerchio si chiuda e Leo (Di Caprio, per i pochi che non hanno mai visto “Titanic”) finalmente le professi tutto il suo amore, abbiamo potuto ammirare Kate Winslet in “Omicidio a East town” (“Mare of East town”), mini-serie televisiva statunitense trasmessa in Italia su Sky Atlantic. La Winslet in questo drama poliziesco mette in gioco sé stessa rendendo reale un personaggio cupo, complesso, faticoso. Ogni espressione del suo volto, ogni gesto, ogni sguardo sono intrisi di frustrazione, amarezza, tristezza. La sua Mare è una donna provata dalla vita, affaticata, piegata ma non spezzata. Reagisce di fronte a tutto e a tutti, cerca con la forza e la grinta di non farsi portare a fondo. Quel fondo sempre presente nei suoi occhi. Le rughe, l’aspetto trasandato, il corpo appesantito rendono ancora più credibile questa donna, detective della polizia di una piccola insignificante città della provincia americana, a cui vorremmo solo dare un abbraccio. Anni luce lontano dalla protagonista dell’altra miniserie di successo di SkyThe Undoing” dove la protagonista, l’algida Nicole Kidman, spicca per eleganza,ricercatezza, charme. La Kidman è perfetta nel ruolo di un’affermata e più che benestante psicoterapeuta di Manhattan. Impeccabile, a suo agio, credibile. Ma rispetto alla Winslet sembra non far fatica, non mettersi in gioco. Vince facile in un ruolo tagliato su di lei, ma sin troppo scontato. Più che per le sue espressioni, i suoi gesti, i suoi tormenti, di lei si sono recensiti lo stile, gli spolverini e gli abiti indossati nel suo ricercato appartamento newyorkese e durante le lunghe camminate nell’Upper East Side di Manhattan. Splendida, ma ferma alla superficie. Nessuna particolare empatia o pacca sulla spalla per la sua Grace, nonostante anche lei debba affrontare difficoltà e angosce. Mare ci rimarrà dentro, la penseremo e in cuor nostro spereremo sempre trovi un po’ di serenità. E quando Leo e Kate finalmente si sposeranno (perché lo faranno, di questo non abbiamo dubbi) sapremo che finalmente anche Mare sorriderà.   di Federica Marotti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Ombre cinesi sulla Croisette

18 Maggio 2024
DA CANNES: la seria candidatura alla Palma d’oro di “Caught By the Tides”, diretto dal regista c…

Addio a Franco Di Mare

17 Maggio 2024
È morto, all’età di 68 anni, Franco Di Mare. In una recente intervista aveva dichiarato di avere…

Il Signore degli anelli, una saga fin troppo spremuta

17 Maggio 2024
La notizia dell’arrivo di un nuovo film tratto dall’epopea de “Il signore degli anelli” ha spave…

Marco Ligabue e “Toc Toc Ecologico”: “Il volume della passioni oggi è più basso”

16 Maggio 2024
Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Marco Ligabue sulla sua carriera e sul nuovo singolo “…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI