app-menu Social mobile

Inquadra e leggi gratis
La Ragione su app

È russo il primo film girato interamente nello spazio

“The Challenge”, “La Sfida”, è il titolo del film russo che sembra lanciare un chiaro messaggio agli USA, già pronti a mandare Tom Cruise nello spazio sulla navicella di Elon Musk, per un cortometraggio finanziato dalla NASA.

|

Ci troviamo in una nuova fase della conquista spaziale, l’era del turismo spaziale. E’ chiaro ormai che in un futuro non troppo lontano lo spazio diventerà sempre di più alla portata di tutte le persone e non solo dei ricchi. Prima Richard Branson con la sua Virgin Galactic, a qualche giorno di distanza Jeff Bezos con la Blue Origin e ultimo in ordine temporale Elon Musk con Space X.

Ora un altro importante passo in avanti e alla scienza si unisce il cinema. Certo, tanti sono i film nella storia che vedono gli astronauti protagonisti del grande schermo ma adesso la questione è diversa: nessuno mai aveva girato un film interamente nello spazio, nel vero senso della parola.

“The Challenge”: il primo film spaziale

A compiere questa storica impresa sarà una produzione russa con il film “The Challenge” (in italiano “La Sfida”) del regista Klim Shipenko. La partenza è prevista per il 5 ottobre e le riprese dureranno 12 giorni. A decollare saranno il cosmonauta Anton Shkaplerov che porterà con sé sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) a bordo della Soyuz MS-18 il regista Klim Shipenko e l’attrice protagonista Yulia Peresild.

Sarà presente anche un equipaggio di riserva che si farà pronto in caso di problemi dell’ultimo minuto.

Per arrivare primi alla corsa cinematografica spaziale il team di Shipenko nell’ultimo anno si è preparato a Mosca nel Centro di addestramento per cosmonauti intitolato a Jurij Gagarin, ricevendo il via libera per le riprese il 16 settembre.

Sconfitti, ma solamente per le tempistiche, gli Stati Uniti che si preparano comunque a girare una ripresa cinematografica nello spazio. Tom Cruise, che dovrebbe essere il protagonista del futuro film spaziale statunitense diretto dal regista Doug Liman, nonostante non possa dire di essere l’attore principale del primo lungometraggio nello spazio, può comunque ritenersi soddisfatto perché le premesse sono delle migliori: il progetto americano, infatti, se verrà confermato, vedrà una produzione sostenuta dalla collaborazione di Nasa e Space X.

Corsa allo spazio, l’eterna sfida Russia-USA

I russi saranno quindi i primi a girare interamente un film nello spazio battendo ancora una volta sul tempo gli americani, come accadde il 4 ottobre 1957 quando il russo Sputnik diventò il primo satellite artificiale ad essere mandato in orbita intorno alla Terra.

Fu però l’americano Neil Armstrong il primo uomo a mettere piede sulla luna con l’Apollo 11 il 21 luglio 1969.

Lo spazio non è quindi solo territorio di una sfida interna agli USA tra ricchi ma potrà essere aperto a tutti, ovviamente con le dovute tempistiche e, soprattutto inizialmente, disponibilità economiche.

I viaggi nello spazio: una nuova normalità

I milionari americani hanno iniziato l’era del turismo spaziale e ora con i russi l’enterteinement sbarcherà nello spazio; con questo ci sarà un nuovo modo di intrattenere le persone che potranno assistere a film realmente spaziali.

Per Tom Cruise e non solo, questa non sarà una “Mission Impossible”.

 

di Filippo Messina

Registrati e leggi gratis La Ragione!

Accedi

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl