app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Quelle inutili risse in tv

Purtroppo quanto accaduto nello studio televisivo del “Maurizio Costanzo Show” dimostra che il civile scambio di opinioni appassioni assai meno di parolacce e improperi.

|

Il motivo del contendere alla fine è la parte meno rilevante. Anche perché nessuno già se lo ricorda più. Quello di cui invece si parla è di come lo studio televisivo del “Maurizio Costanzo Show” si sia trasformato in una sorta di ring: protagonisti Sgarbi e Mughini. Tra insulti e spintoni, lo spettacolo andato in onda è stato tutto tranne che edificante eppure gli ascolti sono volati. Qualcuno può dirsene sorpreso? È la dimostrazione, l’ennesima, di quanto il civile scambio di opinioni appassioni assai meno di parolacce e improperi. In fondo è la stessa dinamica che vediamo ampiamente sui social, dove qualsiasi tema diventa spunto per risse, in questo caso solo verbali. Lì, in televisione, invece si è passati proprio alle mani. E il fatto che i protagonisti siano due che invece avrebbero tutti gli strumenti per risultare interessanti e convincenti con la parola, aggiunge tristezza alla tristezza.

Che sia questo quello che fa conquistare punti di share, chi fa tv lo sa perfettamente e infatti il giorno prima della messa in onda la rissa era stata già annunciata ovunque. Ma continuare anche a dare solo la colpa a chi la televisione la fa è vedere solo una parte del problema. Perché non dimentichiamoci che il pubblico siamo noi e perciò passare il tempo a puntare il dito contro ciò che tiene parecchi incollati al piccolo schermo è un po’ ipocrita. Rimane d’altro canto il fatto che – dal Covid alla guerra – sembra si sia persa la capacità di esprimere la propria opinione senza insultare o accusare qualcun altro.

Non va di moda, mantenere bassi i toni. Eppure due intellettuali come appunto Sgarbi e Mughini, al di là della loro indole non proprio tranquillissima, dovrebbero rappresentare il mondo della cultura. Non trasformarsi in lottatori. Anche perché fuori dai nostri confini il dramma c’è ed è reale, e sarebbe bello per tutti se invece si evitassero inutili esempi di aggressività. Questo non significa naturalmente che il dissenso debba essere taciuto, la fortuna di vivere in un Paese libero è proprio quella di poter esprimere le proprie opinioni qualsiasi esse siano.

Se cogliessimo tutti l’occasione di tornare a un confronto civile e decoroso forse ne perderebbe lo share, ma ne guadagneremmo in molti altri modi. Soprattutto chi ha la fortuna di avere dalla sua un enorme bagaglio culturale e una preparazione certo non comune. Evitare di scadere nel peggio della televisione è possibile, forse non popolare, ma senza dubbio ben più costruttivo.

di Annalisa Grandi 

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl